• Migranti, Maliano chiama ambulanze. La risposta: 'Sono in vacanza'

Migranti, Maliano chiama ambulanze. La risposta: 'Sono in vacanza'

Il giovane operatore aveva dato l'allarme per malore profugo

   Chiama i soccorsi alle tre di notte per segnalare che un profugo sta male, ma l'operatore non gli crede e gli risponde che "le ambulanze sono in vacanza" con tono canzonatorio. E' successo lo scorso weekend a Gnarega Dembele, meglio conosciuto come Vie, maliano di 29 anni, con permesso di soggiorno, che presta servizio come mediatore in un alloggio per richiedenti asilo di Legnaro, gestito dal Gruppo R di Padova. A renderlo noto è il Gruppo R, dove il giovane lavora. Solo la chiamata di un secondo operatore ha convinto il centralinista a mandare un'ambulanza. E ora Vie denuncia quello che definisce un episodio di razzismo sanitario: "Non mi hanno preso in considerazione, per questo ho deciso di non perdere tempo e di chiamare l'operatore della cooperativa. Non mi sono neanche arrabbiato, anche se ci sono rimasto male perché si trattava di un'emergenza".
    Vie è stato scelto come mediatore perché parla quattro lingue, tra cui l'italiano.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere