Cani per ciechi,da oggi su scale mobili

Dopo caso di Belluno nuova normativa Ministero Infrastrutture

(ANSA) - BELLUNO, 11 GEN - Il caso era scoppiato a Belluno, quando un cieco non aveva potuto utilizzare una scala mobile che collega un parcheggio al centro storico perchè il cane guida, per ragioni di sicurezza, non poteva salirvi. Oggi il Ministero per le Infrastrutture ha risolto la questione, ponendo come condizione che l'animale sia addestrato da una scuola certificata e assicurato per danni a se stesso o a terzi. Ne ha dato notizia il sindaco della città, Jacopo Massaro, apponendo ai terminali della rampa meccanica speciali cartelli che spiegano la nuova normativa, valida in tutta Italia. "Quando un addetto alla infrastruttura bloccò un cieco perché il cane non poteva usare la scala - ricorda oggi Massaro - esplose un caso nazionale con tanto di riflettori mediatici dai quali il comportamento della nostra amministrazione non era uscito con una buona immagine. A poco valse spiegare che c'era una legge che lo vietava, per il rischio che l'animale finisse con una zampa schiacciata fra le parti in movimento della scala".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Claudio Barbierato - Nicolé Traslochi

Una nuova immagine per Nicolè Traslochi e l’obiettivo di regolarizzare il mercato

L’azienda di Mestre, regina del settore, cambia pelle e si rinnova al passo con i tempi per consolidarsi a livello internazionale


Lenzia e Nicoletta Mondin - MM Lampadari

MM Lampadari illumina il Museo del Presidente di Astana (Kazakistan)

L’azienda trevigiana ha realizzato un’imponente opera di illuminazione per il nuovo Museo Kazako


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere