Accordo per Melegatti: Natale in salvo

Azienda dolciaria veronese vede salvataggio, sospeso presidio

(ANSA) - VERONA, 8 NOV - Spiragli di salvataggio per la Melegatti, l'azienda dolciaria veronese che nel 1894 brevettò il pandoro, che sta attraversando una pesante crisi finanziaria.
    Oggi alla Prefettura di Verona si è tenuto un nuovo tavolo di concertazione con i rappresentanti dei sindacati, i sindaci di San Giovanni Lupatoto e San Martino Buon Albergo (i Comuni dove si trovano i due stabilimenti del gruppo) e Giambruno Castelletti, il ragioniere commercialista esperto in crisi aziendali, nominato all'unanimità dai soci, che ha presentato un piano da 16 milioni (6 milioni immediati in vista del Natale) per il rilancio dell'azienda. Il finanziamento per Melegatti arriverebbe da un fondo maltese. Nelle prossime ore è attesa la nomina dei due commissari straordinari che avranno il compito di guidare l'azienda dolciaria. Si ipotizza una produzione di un milione e 750mila pezzi tra pandori e panettoni. Il piano è condizionato all'accettazione da parte dei lavoratori. Intanto il presidio di San Giovanni Lupatoto è stato sospeso.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Simone Manferdini

Simone Manferdini: “Investire sul sistema Italia per defiscalizzare il proprio guadagno”

Il consulente finanziario consiglia di tornare a investire in Italia per vedere il proprio guadagno defiscalizzato


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere