Vajont 54 anni dopo, Longarone ricorda

Si spera in una visita di Papa Francesco nel 2018

(ANSA) - LONGARONE (BELLUNO), 9 OTT - Cinquantaquattro anni dopo saranno ancora i rintocchi di campana nel silenzio del resto del paese, alle 21:39 di questa sera, a ricordare il momento esatto in cui un fianco del monte Toc precipitò nel bacino della diga del Vajont, causando la terribile onda che uccise oltre 2000 persone. Longarone, Erto, Casso, Fortogna, Codissago, Pordenzoi sono alcuni dei luoghi in cui la tragedia è stata ricordata e che saranno teatro, oggi, di eventi dedicati al disastro del 9 ottobre 1963. Trent'anni fa fra le tombe del cimitero monumentale camminò a lungo papa Giovanni Paolo II; per il 2018 c'è la speranza in queste comunità che la visita possa essere ripetuta dal Papa Bergoglio. Un accenno a questa probabilità è stato fatto oggi dal sindaco di Longarone, Roberto Padrin, in occasione della commemorazione civile nel camposanto di Fortogna. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Claudio Barbierato - Nicolé Traslochi

Una nuova immagine per Nicolè Traslochi e l’obiettivo di regolarizzare il mercato

L’azienda di Mestre, regina del settore, cambia pelle e si rinnova al passo con i tempi per consolidarsi a livello internazionale


Lenzia e Nicoletta Mondin - MM Lampadari

MM Lampadari illumina il Museo del Presidente di Astana (Kazakistan)

L’azienda trevigiana ha realizzato un’imponente opera di illuminazione per il nuovo Museo Kazako


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere