Ancora allarme siccità in Veneto

Consorzi dovranno ridurre prelievo in particolare dall'Adige

(ANSA) - VENEZIA, 21 GIU - Il Veneto continua a soffrire per la siccità, il territorio presenta una condizione di deficit idrico generalizzato rispetto ai valori medi stagionali e così oggi il governatore Luca Zaia ha firmato una nuova ordinanza - dopo quella del 18 aprile e del 16 maggio - che conferma lo stato di crisi idrica, per attuare le misure necessarie a contrastarla. In particolare è la carenza d'acqua nell'Adige a preoccupare, con possibili conseguenze anche per gli acquedotti.
    La nuova ordinanza sarà valida fino al 15 luglio. Stabilisce restrizioni in particolare per l'Adige (in maniera minore per il Piave e gli altri bacini idrografici), dove i Consorzi irrigui dovranno ridurre il prelievo netto di portate derivate o subderivate dal fiume in base alla portata media registrata giornalmente a Trento S.Lorenzo, secondo uno schema che prevede una riduzione percentuale progressiva a partire da 180 metri cubi/secondo fino a 80 mc/s, al di sotto della quale la riduzione sarà del 100%.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Futura Serramenti - Sergio Zanin

Futura Serramenti lancia il primo brevetto di infissi in pvc antiscasso

L’azienda di Quinto di Treviso guidata da Sergio Zanin è pronta a lanciare sul mercato un nuovo prodotto con materiale progettato appositamente per l’azienda


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere