Rientrato italiano,come topi in gabbia

Atterrato a Verona, per ora mi riposo due settimane poi vedremo

(ANSA) - VERONA, 23 MAR - "Sembravamo dei topi in gabbia". Lo ha detto Marco Semenzato l'architetto padovano, uno dei tre italiani rimasti feriti dall'esplosione delle bombe ieri mattina a Bruxelles rientrando in Italia, raccontando di quei terribili momenti. Semenzato, 34 anni, da nove mesi lavora come consulente al Dipartimento educazione e cultura della Commissione europea, è atterrato all'aeroporto "Catullo" di Verona. "Sto bene, oggi mi sento meglio, per fortuna sono qua che ve la racconto" ha detto appena sbarcato. Poi il ricordo dell'attentato: "come tutti i giorni stavo andando al lavoro, sono sceso dalla metro, ho fatto due passi per imboccare le scale ed uscire ed è esplosa la bomba". "Per fortuna - ha continuato - l'onda d'urto mi ha preso alle spalle e sono stati protetto dallo zainetto. Sono rimasto bruciato al volto e alle mani. Adesso mi riposerò per due settimane e poi vedremo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Elisabetta Elio, presidente di Pia Opera Ciccarelli

Fondazione Pia Opera Ciccarelli, il futuro dell’assistenza agli anziani passa per la riscoperta delle comunità di quartiere

E’ stato avviato il programma “Abitare Leggero”: a breve si realizzeranno abitazioni a prezzo calmierato per riunire famiglie in difficoltà economica e anziani in un clima di reciproco aiuto


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere