Trivelli,Consulta,'no' a ricorsi Regioni

Miravano a far rivivere referendum su piano aree e proroghe

(ANSA) - ROMA, 9 MAR - La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibili i ricorsi per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato promossi dalle Regioni sulla questione delle trivellazioni. I ricorsi riguardavano il piano delle aree e il regime delle concessioni ed erano proposti nei confronti del Presidente del Consiglio, del Parlamento e dell'Ufficio centrale per il referendum presso la Cassazione. Promossi da sei Consigli Regionali - Basilicata, Puglia, Liguria, Marche, Sardegna, Veneto - i conflitti miravano a far rivivere i referendum su piano aree e proroga delle concessioni, in precedenza 'bocciati' dalla Cassazione. La Consulta ha dichiarato i conflitti inammissibili perché non è stata espressa la volontà di sollevarli "da almeno cinque dei Consigli regionali che avevano richiesto il referendum". Resta in piedi, quindi, un solo referendum sulle trivelle: quello sulla durata delle autorizzazioni per le trivellazioni entro le 12 miglia mare, che si terrà il 17 aprile.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Elisabetta Elio, presidente di Pia Opera Ciccarelli

Fondazione Pia Opera Ciccarelli, il futuro dell’assistenza agli anziani passa per la riscoperta delle comunità di quartiere

E’ stato avviato il programma “Abitare Leggero”: a breve si realizzeranno abitazioni a prezzo calmierato per riunire famiglie in difficoltà economica e anziani in un clima di reciproco aiuto


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere