Manufatti etruschi recuperati da GdF

Immessi sul mercato illegale avrebbero fruttato 20 mila euro

(ANSA) - VENEZIA, 22 GEN - Una cassa contenente dodici manufatti, tra cui crateri greci, anfore romane e vasi etruschi, è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza di Venezia in una villa di Mirano abbandonata da tempo. Le fiamme gialle hanno bloccato tre persone, due delle quali sono state denunciate.
    Piazzati su mercato nero dei collezionisti senza scrupoli, i tre reperti avrebbero fruttato circa 20 mila euro. I pezzi sono stati consegnati alla Sovrintendenza per i beni archeologici di Padova che ne deciderà la collocazione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere