Mostre: a Venezia 'postwar era'

Novanta opere alla Peggy Guggenheim

(di Roberto Nardi) (ANSA) - VENEZIA, 21 GEN - Da 'L'atomo, Un mondo unico' di Richard Pousette-Dart del 1947, quasi a segno dell'incubo del fungo atomico drammaticamente comparso nella scena mondiale appena due anni prima, a una sorta di universo in espansione, di rinascita continua, nell'opera di Claire Falkenstein, del 1975, autrice di un 'cancello senza materia' fatto di fili di ferro e vetro all'ingresso di Ca' dei Leoni, sede della Peggy Guggenheim Collection, a Venezia.

Tra questi due apparenti opposti si muove la mostra curata da Luca Massimo Barbero, 'Postwar era. Una storia recente', con gli omaggi a Jack Tworkov e alla stessa Falkenstein, da sabato negli spazi della collezione della mecenate statunitense fino al 4 aprile prossimo. E' il 'mondo' di Peggy, delle sue opere raccolte o donate alla collezione, che tesse, attraverso 90 tra dipinti, sculture e disegni, una rassegna che offre certezze - i dipinti di De Kooning o Motherwell, di Vedova, Afro o uno splendido Fontana - accanto ad artisti che il mercato oggi non ha ancora alzato tra i suoi eletti ma che - a dirla con il curatore - sono protagonisti della storia dell'arte della seconda meta' del secolo scorso.

Lungo un percorso che si dipana per undici sale, alcune di fatto monografiche - tra tutte, basti ricordare quella di Carlo Ciussi o di Mirko Basaldella - e' offerta una possibile lettura dell'arte statunitense ed europea, anche italiana, dal dopoguerra al 1979. "E' un viaggio attraverso le curiosita'" spiega Barbero a dare indicazione di una esposizione che offre ora opere riunite per gruppi e accostate in base a tema, stile, affinita', superando di fatto le griglie dettate da movimenti o tendenze artistiche.

Il primo passo e' con gli albori dell'espressionismo astratto di matrice statunitense per poi dare subito spazio alla sequenza di ritratti a firma Tworkov, che aveva lo studio a fianco di de Kooning a New York , e poi agli 'italiani' - dallo stesso Vedova a Santomaso, Consagra, Scaloja, Carla Accardi, solo per citarne alcuni - per tornare qundi in terre britannica e statunitense - Chadwick, Armitage, Paolozzi, Sutherland, Davie. Dopo e' il turno di Mirko, artista friulano ma punta di diamante dell'arte italiana in terra Usa negli anni '60, fino alla chiusura con Falknstein. Con lei, autrice di opere che sono frutto di alchimia tra ferro e vetro,la mecenate statunitense ebbe un rapporto do profonda amicizia che duro' una vita. A lei il compito di realizzare quel cancello 'trasparente' chiamato a proteggere la collezione, ora restaurato.

Il 2016 sara' ancor piu' l'anno di Peggy nella collezione che porta il suo nome, visto che a novembre ci sara' l'omaggio a Tancredi, artista veneziano morto nel Tevere nel 1964 a lei molto legato. Ad aprile, invece, 'Imagine 1960-1969', la nascita in nove anni di una nuova immagine dell'arte italiana. Tutte a firma Luca Massimo Barbero.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Gian Paolo Casarotto - Rovigo Vivai

Passione e tecnologia per valorizzare i prodotti orticoli

Il made in Italy spiegato da Rovigo Vivai, azienda vivaistica che produce piantine orticole all’interno del territorio dell’Igp del radicchio, nel cuore del Parco Naturale del Delta del Po


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere