Tutto su Auckland 2021 La Coppa targata Prada

36th America’s Cup Match Presented by Prada: presentati logo e campo di regata

Responsabilità editoriale Saily.it

Il match che assegnerà la prossima Coppa America, la numero 36 della storia, si disputerà a Auckland, Nuova Zelanda, dal 6 al 21 marzo del 2021. Il campo di regata sarà vicino alla costa (e al pubblico) come mai in passato - VIDEO CON L'ANIMAZIONE DEI CAMPI DI REGATA POSSIBILI NEL GOLFO DI HAURAKI - Svelato il nuovo logo della America's Cup: è del designer Marc Newson, scelto da Prada - VIDEO. LA NUOVA BRAND IDENTITY - Ma sono solo in 4 a correrla...

 

di Fabio Colivicchi

Febbre di Coppa America 2021, di Luna Rossa, di Auckland, di dirette in notturna. Per abbassare la colonnina di mercurio (o farla alzare, a seconda dei casi) i protagonisti hanno voluto fare una clamorosa anticipazione: mai nella storia di oltre 165 anni della Coppa America, sono stati resi noti con due anni di anticipo i dettagli del campo di regata, le date e persino gli orari del match che assegnerà il trofeo. Stavolta è stato fatto. Ed è stato fatto, quanto contano i simboli, nel luogo dove la Coppa è natam a Cowes, Isola di Wight.

Il CEO di Emirates Team New Zealand, Grant Dalton a nome del Royal New Zealand Yacht Squadron, ha ufficializzato la città di Auckland come location del "36th America’s Cup Match Presented by Prada" (un po' lunghetto ma si chiama così) e le date: tra i 6 e il 21 marzo 2021.

Il Defender, Emirates Team New Zealand, regaterà in quei giorni contro il team vincitore della Prada Cup, le Challenger Selection Series, (quella che a lungo si è chiamata Louis Vuitton Cup), in una serie al meglio delle 13 regate (vince il primo a fare 7 punti). Daccordo con il Protocollo della XXXVI America’s Cup, questa sarà anche la race course area della Prada Cup.

IL CAMPO DI REGATA - Le acque che scriveranno la storia della vela sono comprese in una vasta area delineata all'interno più ampio e celebre golfo di Hauraki (già noto per le edizioni 2000 e 2003), che si allunga verso sud lungo le spiagge della North Shore intorno a North Head, e comprende la baia di Waitemata, più interna e protetta, fino all'iconico ponte del porto di Auckland e alla skyline del centro cittadino, il Business District, nei sobborghi orientali di Auckland e fino in fondo lo stretto di Tamaki tra Waiheke Island e Maraetai.

Il Waitemata Harbour e il Golfo di Hauraki sono ampiamente considerati come "Il gioiello nella corona di Auckland" e offriranno una miriade di opzioni per i percorsi di gara, con una gamma completa di direzioni e condizioni del vento. Nei grafici e nei filmati la prima spiegazione delle possibili ubicazioni dei campi di regata in funzione del vento.

 

GUARDARE LA COPPA DA TERRA: REGATE MAI COSI' VICINE - "Ecco perchè chiamiamo Auckland "la città della vela!" dice Grant Dalton, "perchè è rinomata per le sue condizioni meteo e di vento. Siamo fortunati e la geografia ci permette di sistemare un campo di regata proprio vicino a un punto di visione a terra situato su una collina rialzata: sarà perfetto seguire le regste da Bastion Point."

Uno degli obiettivi nella scelta del campo di regata della XXXVI America's Cup, è stato quello della vicinanza a un punto di osservazione a terra. Quindi è stato identificato un percorso specifico che è vicinissimo, forse come mai nella storia della Coppa, al punto di osservazione del pubblico. "Siamo fortunati ad avere sia North Head che Bastion Point che sono posti ideali per il pubblico, da dove la gente letteralmente potrà sentire ciò che si dice a bordo degli AC75, come se fosse in acqua!" dice sempre Dalton. L'idea è che questi luoghi diventino il villaggio pubblico della 36AC: "Vorremmo che fosse ricordata come la Coppa più 'fiendly', più vicina alle esigenze del pubblico."

L'ORARIO DELLE REGATE - Anche l'orario tiene conto delle condizioni del vento a marzo e della presenza del maggior pubblico possibile. "E' stato un ragionamento preciso - continua Dalton - Una finestra utile dalle 16:00 alle 18:00 di pomeriggio sfrutterà il massimo potenziale della brezza termica marina di marzo (a Auckland sarà la fase finale dell'estate), e ci consentirà di mettere il campo di regata tra Waitemata Harbour e Hauraki, con lati lunghi 1.3- 2.2 miglia nautiche.

Insieme alla vicinanza al pubblico, è stata presa in considerazione la possibilità di ridurre al minimo gli annullamenti del giorno della gara a causa del troppo vento o delle ondate, come si è visto nella 34a America's Cup a San Francisco. L'area del corso, direttamente tra Eastern Beach e Waiheke Island, offre un campo di regata riparato, tutto vento, ed è stato il campo di allenamento di Emirates Team New Zealand per la loro 35esima sfida all'America's Cup a Bermuda. La distanza di gara definitiva dipenderà dalla velocità del vento e dal percorso di gara selezionato ogni giorno con una durata della gara di 35 minuti, incluso il pre-partenza, basato su una tipica configurazione sottovento con possibilità di raggiungere un traguardo finale.
 
 
 
New Identity L'Overture di America's Cup di oggi è iniziata con la presentazione della nuova identità visiva per la 36a America's Cup creata dal designer di fama internazionale Marc Newson, selezionato da Prada per disegnare il logo e la silhouette della Coppa.
 
"Il nostro evento a Cowes oggi, segna la prima volta in cui abbiamo sfidato Challenger e Defender in preparazione della 36a America's Cup Presentata da Prada. L'annuncio delle date della partita, la presentazione del nuovo logo dell'America's Cup e la presentazione della nuova custodia Prada per il trofeo sono per noi tutte pietre miliari in quanto collaboriamo con il Defender per consegnare tutti gli eventi che precedono la partita ", ha dichiarato Laurent Esquier, CEO del Challenger of Record (COR36).
 
L'America's Cup, il più antico trofeo dello sport internazionale, è arrivata in Australia appositamente per questo evento e ha brillato sul palco con la sua nuova custodia da viaggio Prada. Realizzato a mano da artigiani Prada, questo baule accompagnerà l'Auld Mug sulla strada per la 36a America's Cup. 2018 Hall of Fame dell'America's Cup Questa sera, la cerimonia di inaugurazione dell'America's Cup dell'America's Cup e la cravatta nera si terranno nel Royal Yacht Squadron, dove tutto iniziò 167 anni fa.
 
Max Sirena Team Director e Skipper Luna Rossa: "Avere il tracciato così vicino alla costa darà agli spettatori l'opportunità di seguire la regata anche dalla riva con lo spettacolare sfondo di Auckland - La città delle vele! Non vediamo l'ora di iniziare! "
 
INEOS UK: "E 'bello tornare a Cowes, dove è iniziata l'America's Cup. Più informazioni sappiamo sull'area del campo di regata, le probabili condizioni del vento, lo stato del mare, la durata del corso e il programma per le regate di build-up nei prossimi due anni aiuteranno davvero INEOS TEAM UK a definire la nostra strategia per quando costruiremo e lanciamo le nostre barche da regata ".
 
Terry Hutchinson Direttore Esecutivo e Skipper American Magic: "Ottenere i corsi oggi è un grosso problema perché i team baseranno le loro decisioni sul design attorno a queste informazioni. Esattamente ciò che stiamo per fare, quanto tempo avrai a disposizione per un confine (se questo è in realtà il caso), rispetto a quanto tempo avrai sul percorso, tutto avrà un impatto sulle decisioni di progettazione della barca. Oggi è un grande giorno per la 36a America's Cup ".
Insieme alla vicinanza al pubblico, è stata presa in considerazione la possibilità di ridurre al minimo gli annullamenti del giorno della gara a causa del troppo vento o delle ondate, come si è visto nella 34a America's Cup a San Francisco. L'area del corso, direttamente tra Eastern Beach e Waiheke Island, offre un campo di regata riparato, tutto vento, ed è stato il campo di allenamento di Emirates Team New Zealand per la loro 35esima sfida all'America's Cup a Bermuda. La distanza di gara definitiva dipenderà dalla velocità del vento e dal percorso di gara selezionato ogni giorno con una durata della gara di 35 minuti, incluso il pre-partenza, basato su una tipica configurazione sottovento con possibilità di raggiungere un traguardo finale.
 
 
 
New Identity L'Overture di America's Cup di oggi è iniziata con la presentazione della nuova identità visiva per la 36a America's Cup creata dal designer di fama internazionale Marc Newson, selezionato da Prada per disegnare il logo e la silhouette della Coppa.
 
"Il nostro evento a Cowes oggi, segna la prima volta in cui abbiamo sfidato Challenger e Defender in preparazione della 36a America's Cup Presentata da Prada. L'annuncio delle date della partita, la presentazione del nuovo logo dell'America's Cup e la presentazione della nuova custodia Prada per il trofeo sono per noi tutte pietre miliari in quanto collaboriamo con il Defender per consegnare tutti gli eventi che precedono la partita ", ha dichiarato Laurent Esquier, CEO del Challenger of Record (COR36).
 
L'America's Cup, il più antico trofeo dello sport internazionale, è arrivata in Australia appositamente per questo evento e ha brillato sul palco con la sua nuova custodia da viaggio Prada. Realizzato a mano da artigiani Prada, questo baule accompagnerà l'Auld Mug sulla strada per la 36a America's Cup. 2018 Hall of Fame dell'America's Cup Questa sera, la cerimonia di inaugurazione dell'America's Cup dell'America's Cup e la cravatta nera si terranno nel Royal Yacht Squadron, dove tutto iniziò 167 anni fa.
 
Max Sirena Team Director e Skipper Luna Rossa: "Avere il tracciato così vicino alla costa darà agli spettatori l'opportunità di seguire la regata anche dalla riva con lo spettacolare sfondo di Auckland - La città delle vele! Non vediamo l'ora di iniziare! "
 
INEOS UK: "E 'bello tornare a Cowes, dove è iniziata l'America's Cup. Più informazioni sappiamo sull'area del campo di regata, le probabili condizioni del vento, lo stato del mare, la durata del corso e il programma per le regate di build-up nei prossimi due anni aiuteranno davvero INEOS TEAM UK a definire la nostra strategia per quando costruiremo e lanciamo le nostre barche da regata ".
 
Terry Hutchinson Direttore Esecutivo e Skipper American Magic: "Ottenere i corsi oggi è un grosso problema perché i team baseranno le loro decisioni sul design attorno a queste informazioni. Esattamente ciò che stiamo per fare, quanto tempo avrai a disposizione per un confine (se questo è in realtà il caso), rispetto a quanto tempo avrai sul percorso, tutto avrà un impatto sulle decisioni di progettazione della barca. Oggi è un grande giorno per la 36a America's Cup ".

Insieme alla vicinanza al pubblico, è stata presa in considerazione la possibilità di ridurre al minimo gli annullamenti delle regate per cause meteo, come si è visto nella 34a America's Cup a San Francisco. L'area del corso, direttamente tra Eastern Beach e Waiheke Island, offre un campo di regata riparato, che non a caso è stato il campo di allenamento di Emirates Team New Zealand per la 35esima sfida all'America's Cup a Bermuda. La distanza di gara definitiva dipenderà dalla velocità del vento e dal percorso di gara selezionato ogni giorno con una durata stimata di ciascun match di 35 minuti, incluso il pre-partenza, basato su una tipica configurazione (si parte di bolina).

LA NUOVA IDENTITA' DELL'EVENTO TARGATO PRADA - L'America’s Cup Overture di Cowes ha anche rivelato la nuova immagine ufficiale dlel'evento 2021. La visual identity per la 36ma America’s Cup è stata creata dal designer internazionale Marc Newson, scelto da Prada per disegnare il logo e la nuova silhouette della Coppa.

PARLA LAURENT ESQUIER, CEO DEL CHALLENGER OF RECORD - "Il nostro evento a Cowes oggi, segna la prima volta in cui abbiamo incontrato e sfidato tutti, Challenger e Defender, in preparazione della "36a America's Cup Presentata da Prada". L'annuncio delle date della gara finale, il Match, la presentazione del nuovo logo dell'America's Cup e la presentazione della nuova custodia Prada per il trofeo sono per noi tutte tappe importanti nella collaborazione con il Defender per tutti gli eventi che precedono la finale", ha dichiarato Laurent Esquier, CEO del Challenger of Record (COR36).

LA NUOVA CUSTODIA FATTA DAGLI ARTIGIANI PRADA - L'America's Cup, il più antico trofeo dello sport internazionale, è arrivata in Gran Bretagna appositamente per questo evento e ha brillato sul palco con la sua nuova custodia da viaggio Prada. Realizzato a mano da artigiani Prada, questo baule accompagnerà l'Auld Mug sulla strada per la 36a America's Cup. E in serata la Hall of Fame 2018 dell'America's Cup ha visto la cerimonia di inaugurazione nel Royal Yacht Squadron, dove tutto iniziò 167 anni fa.

Max Sirena Team Director & Skipper Luna Rossa: "Avere il percorso e le boe così vicino alla costa darà agli spettatori l'opportunità di seguire la regata anche dalla riva con lo scenografico sfondo di Auckland - La città delle vele! Non vediamo l'ora di iniziare!"

Sir Ben Ainslie Team Principal & Skipper INEOS UK: "E 'bello tornare a Cowes, dove è iniziata l'America's Cup. Più informazioni sappiamo sull'area del campo di regata, le probabili condizioni del vento, lo stato del mare, la durata del corso e meglio funzionerà il programma di INEOS TEAM UK e la nostra strategia per quando costruiremo e lanciamo le nostre barche da regata."

Terry Hutchinson Executive Director & Skipper American Magic: “Ottenere i percorsi della finale già oggi è un grosso risultato, perché i team baseranno le loro decisioni per il design delle barche attorno a queste informazioni. Esattamente ciò che stiamo per fare: il calcolo dei tempi a disposizione per raggiungere un confine del campo e di quanto per navigare all'interno del campo stesso, tutto avrà un impatto sulle decisioni di progettazione della barca. Oggi è un grande giorno per la 36a America's Cup."

Tutti contenti, e ci mancherebbe. Tutti aspettiamo e speriamo, riavere la Coppa coi suoi valori e la sua forza di traino per tutta la vela sarebbe un bel colpo, dopo anni oggettivamente contorti e complicati, prima i tribunali poi i catamarani volanti che hanno convinto a metà. Il ritorno al monoscafo prima ha fatto gioire, poi ha preoccupato l'idea del foiling, infine - ed è la cosa più preoccupante di tutte - lascia perplessi il numero di team coinvolti: il defender kiwi stavolta ha soltanto tre sfidanti. Davvero pochi, anche se va dato atto a Dalton di non aver "giocato" come Larry Ellison a creare sfidanti finti e finanziati dal defender. Sono pochi ma buoni, anzi buonissimi.

Luna Rossa è il sogno italiano che torna e quindi sarà seguita con l'entusiasmo di sempre, se poi arriveranno delle belle vittorie, combattute e spettacolari, e se in Italia si troverà una programmazione televisiva adeguata dell'evento, la passione andrà alle stelle. Ben Ainslie INEOS è la sfida più ricca nell'intera storia della Coppa, non solo inglese, mezzi spaventosi e vedremo come li userà il velista più titolato della vela olimpica. Terry Hutchinson e American Magic rappresentano il ritorno del New York Yacht Club alla Coppa America: il club che l'ha vinta e difesa di più, un record imbattibile ai nostri tempi, oltre 130 anni. E questo da solo da l'idea di questa magia. 

La 36ma Coppa America è partita da Cowes, stesso posto dove partì l'edizione zero. Alla luce dei successi e della lunghissima storia di un evento divenuto leggendario, c'è da sperare che abbiano azzeccato l'ouverture.

 
LA NUOVA CUSTODIA FATTA DAGLI ARTIGIANI PRADA - L'America's Cup, il più antico trofeo dello sport internazionale, è arrivata in Gran Bretagna appositamente per questo evento e ha brillato sul palco con la sua nuova custodia da viaggio Prada. Realizzato a mano da artigiani Prada, questo baule accompagnerà l'Auld Mug sulla strada per la 36a America's Cup. E in serata la Hall of Fame 2018 dell'America's Cup ha visto la cerimonia di inaugurazione nel Royal Yacht Squadron, dove tutto iniziò 167 anni fa.
 
Max Sirena Team Director & Skipper Luna Rossa: "Avere il percorso e le boe così vicino alla costa darà agli spettatori l'opportunità di seguire la regata anche dalla riva con lo scenografico sfondo di Auckland - La città delle vele! Non vediamo l'ora di iniziare!"
 
Sir Ben Ainslie Team Principal & Skipper INEOS UK: "E 'bello tornare a Cowes, dove è iniziata l'America's Cup. Più informazioni sappiamo sull'area del campo di regata, le probabili condizioni del vento, lo stato del mare, la durata del corso e meglio funzionerà il programma di INEOS TEAM UK e la nostra strategia per quando costruiremo e lanciamo le nostre barche da regata."
 
Terry Hutchinson Executive Director & Skipper American Magic: “Ottenere i percorsi della finale già oggi è un grosso risultato, perché i team baseranno le loro decisioni per il design delle barche attorno a queste informazioni. Esattamente ciò che stiamo per fare: il calcolo dei tempi a disposizione per raggiungere un confine del campo e di quanto per navigare all'interno del campo stesso, tutto avrà un impatto sulle decisioni di progettazione della barca. Oggi è un grande giorno per la 36a America's Cup."
PARLA LAURENT ESQUIER, CEO DEL CHALLENGER OF RECORD - "Il nostro evento a Cowes oggi, segna la prima volta in cui abbiamo incontrato e sfidato tutti, Challenger e Defender, in preparazione della "36a America's Cup Presentata da Prada". L'annuncio delle date della gara finale, il Match, la presentazione del nuovo logo dell'America's Cup e la presentazione della nuova custodia Prada per il trofeo sono per noi tutte tappe importanti nella collaborazione con il Defender per tutti gli eventi che precedono la finale", ha dichiarato Laurent Esquier, CEO del Challenger of Record (COR36).
 
LA NUOVA CUSTODIA FATTA DAGLI ARTIGIANI PRADA - L'America's Cup, il più antico trofeo dello sport internazionale, è arrivata in Gran Bretagna appositamente per questo evento e ha brillato sul palco con la sua nuova custodia da viaggio Prada. Realizzato a mano da artigiani Prada, questo baule accompagnerà l'Auld Mug sulla strada per la 36a America's Cup. E in serata la Hall of Fame 2018 dell'America's Cup ha visto la cerimonia di inaugurazione nel Royal Yacht Squadron, dove tutto iniziò 167 anni fa.
 
Max Sirena Team Director & Skipper Luna Rossa: "Avere il percorso e le boe così vicino alla costa darà agli spettatori l'opportunità di seguire la regata anche dalla riva con lo scenografico sfondo di Auckland - La città delle vele! Non vediamo l'ora di iniziare!"
 
Sir Ben Ainslie Team Principal & Skipper INEOS UK: "E 'bello tornare a Cowes, dove è iniziata l'America's Cup. Più informazioni sappiamo sull'area del campo di regata, le probabili condizioni del vento, lo stato del mare, la durata del corso e meglio funzionerà il programma di INEOS TEAM UK e la nostra strategia per quando costruiremo e lanciamo le nostre barche da regata."
 
Terry Hutchinson Executive Director & Skipper American Magic: “Ottenere i percorsi della finale già oggi è un grosso risultato, perché i team baseranno le loro decisioni per il design delle barche attorno a queste informazioni. Esattamente ciò che stiamo per fare: il calcolo dei tempi a disposizione per raggiungere un confine del campo e di quanto per navigare all'interno del campo stesso, tutto avrà un impatto sulle decisioni di progettazione della barca. Oggi è un grande giorno per la 36a America's Cup."
Responsabilità editoriale di Saily.it