American Magic, la squadra è servita

36 America's Cup

Responsabilità editoriale Saily.it

La sfida del New York Yacht Club ha annunciato i primi nomi del team velico, agli ordini dello skipper Terry Hutchinson e del timoniere Dean Barker. Tra gli altri ci sono Paul Goodison, Bora Gulari e l'"italiano" Maciel Cicchetti

 

American Magic, la sfida del New York Yacht Club alla Coppa America che ha detenuto per oltre un secolo e mezzo, ha annunciato una prima "formazione" di velisti composta da 17 nomi. Tra essi, nove sono statunitensi, mentre quattro vengono dalla Nuova Zelanda, due dalla Gran Bretagna, e uno ciascuno da Argentina e Australia. In realtà l'argentino è un mezzo italiano: Maciel Cicchetti che vive da anni in Liguria e parla benissimo la nostra lingua.

Maciel è reduce da due Volvo Ocean Race impegnative, e prima della partenza di questa ultima, era stato al centro di manovre che sembravano potessero portare una barca italiana al giro. L'epilogo purtroppo è stato diverso. Ora l'ingaggio con New York e American Magic per la Coppa del 2021. L'anno è lo stesso della Volvo Ocean Race, ma le date forse possono aiutare: la Coppa ad Auckland vivrà le fasi finali nei primi mesi dell'anno, mentre la regata intorno al mondo partirà in autunno.

Ecco gli altri nomi di American Magic: Terry Hutchinson, di Annapolis, Maryland, è lo skipper. A bordo di un AC75 l'equipaggio sarà di 11 velisti. Timonieri e tattici ad alternarsi saranno: Dean Barker (Auckland), Andrew Campbell (San Diego), Bora Gulari (Detroit), Ian Moore (Cowes, Great Britain). Bora è un ex Luna Rossa dell'ultima sfida, e attualmente in campagna olimpica con il Nacra 17, in ripresa dopo lo stop forzato seguito al grave infortunio che gli è costato tre dita di una mano. E' da sempre considerato tra i migliori foiler in circolazione.

Bei nomi anche tra i sail trimmers: Trevor Burd (Marblehead, Massachusetts), il citato Maciel Cicchetti (Mar del Plata, Argentina), il tre volte mondiale di Moth foil Paul Goodison (Sheffield, Great Britain), David Hughes (Miami). Ingaggiata anche la linea dei grinder (in attesa di capire cosa e come regoleranno sulle nuove barche: Cooper Dressler (Coronado, California), Luke Muller (Ft. Pierce, Florida), Caleb Paine (San Diego), Luke Payne (Fremantle, Australia), Joe Spooner (Auckland). E gli "specialisti" di particolari ruoli a bordo: Matt Cassidy (San Diego), Sean Clarkson (Kerikeri, New Zealand), Jim Turner (Auckland). Il capo dei coach è James Lyne di Granville, Vermont.

Phil Lotz, commodoro del New York Yacht Club, ha detto: "Assistere al ritorno di attività legate all'America's Cup a Newport, Rhode Island, è un momento elettrizzante per la vasta comunità di appassionati velisti di quest'area, ma anche di tutto il mondo."

Responsabilità editoriale di Saily.it