Golden Globe Day 58 disalbera Are Wiig

Il giro del mondo vintage vive giorni difficili: già 6 ritirati

Responsabilità editoriale Saily.it

DAY 58 - Le ultime notizie: il disalberamento del norvegese Are Wiig (che era al 4° posto), circa 400 miglia a Sud-Ovest del Capo di Buona Speranza, dopo un giro di 360° nella rollata sotto un'onda. Lo skipper sta bene, e naviga con attrezzatura di fortuna verso Cape Town. Nella zone condizioni dure e vento a 45 nodi. In testa alla flotta allunga Jean Luc Van Den Heede. Francesco Cappelletti passa l'Equatore: AUDIO - IL PUNTO - POSIZIONI - FOTO - VIDEO

 

Alle 16:30 UTC di lunedi 27 agosto, il navigatore norvegese Are Wiig, che sta correndo la Golden Globe Race, ha fatto una telefonata satellitare alla direzione della regata informando che la sua barca Oleanna (un Olle Enderlin, OE 32), ha disalberato dopo aver fatto un giro di 360° in una rollata sotto una grande onda, circa 400 miglia a sud-ovest di Cape Town. L'incidente è accaduto in un raro momento di riposo che il navigatore si era preso dopo aver passato oltre 7 ore al timone.

Il 58enne velista di Svelvik (NOR) è uno dei 12 solitari impegnati nella Golden Globe Race, la riedizione del primo giro del mondo a 50 anni di distanza (1968-2018), con barche e attrezzature tradizionali. Al momento dell'incidente era sotto coperta, con 35-45 nodi di vento e onde di 7-8 metri. Nella capriola si è rotto un oblò della tuga, ma lo scafo non ha subito danni. Are ha subito tagliato le parti rotte dell'albero per allontanarle dallo scafo, lasciando solo una parte dello strallo attaccata con la vela di prua che fa da ancora galleggiante.

Don McIntyre, il Race Chairman della GGR ha raccontato di aver "sentito Are in buona forma, molto confidente e con la sitazione sotto controllo. Sottocoperta c'è un disordine notevole, ma Are conta di attendere che passi la tempesta per fare un po' di ordine e realizzare un armo di fortuna." Cosa che poi è successa dopo alcune ore: nel tracker della GGR è rimasta la vecchia posizione di Oleanna al momento del disalberamento, ed è in funzione un nuovo trasmettitore (il vecchio è rimasto danneggiato ma ne era previsto uno di rispetto a bordo di ogni barca) con la nuova rotta: a 24 ore dall'incidente Oleanna fa 2,9 nodi con prua verso Nord Est direzione Cape Town, il vento dovrebbe calare.

Dal quartiere generale della GGR è stato diramato un allarme codice arancione, ma spiegando che al momento lo skipper NON ha richiesto assistenza esterna e conta di tornare a terra con i suoi mezzi. A bordo l'equipaggiamento di sopravvivenza è a posto e in ordine, le comunicazioni satellitari funzionano e l'energia elettrica è ok.

Il concorrente più vicino ad Are Wiig è l'irlandese Gregor McGuckin a bordo del Biscay 36 Hanley Energy Endurance, circa 40 miglia a nord est, ma anche lui sta lottando con le stesse dure condizioni di vento forte da Ovest (il suo ultimo report la notte scorsa: "terza notte di burrasca, senza vele, cavi filati a poppa, tutto bene, molto stanco"). Sembra di leggere vecchi libri di celebri navigatori.

Nella notte dopo il disalberamento, Wiig ha inviato aggiornamenti: sta per mettere la jury rig (l'attrezzatura di fortuna che per regolamento i concorrenti devono avere prevista a bordo, e provata per almeno 6 ore in allenamento prima della partenza (tra le foto di questo articolo una di Oleanna con jury rig). Il rollio della barca senza vele è molto forte, dormire è impossibile, ma è riuscito a mangiare qualcosa. 

La paratia anteriore pare danneggiata e strappata dallo scafo, alcuni accessori del ponte sono stati strappati, ci sono danni da compressione dello scafo sul lato di dritta, per il forte impatto con l'onda. "Lo scafo è solido e forte per il viaggio a Città del Capo", dice Are. E poi: fori di cavi elettrici che fanno acqua, motore funzionante ma non messo in moto fino a quando non sarà confermato che non ci sono cime in acqua. La ricarica solare è danneggiata ma riparabile. Il vento sta calando, ma ancora parecchie onde si infrangono sulla barca. Si sente al sicuro. Ha individuato tutte le parti realizzate appositamente per l'attrezzatura di emergenza: tutto è intatto e pronto a essere messo in funzione.

Con Wiig salgono a 6 i ritirati dalla Golden Globe Race, quando la flotta (eccetto VDH) deve ancora arrivare nell'Oceano Indiano e iniziare i lunghi mesi nel Grande Sud. Queste le ultime posizioni.

http://goldengloberace.com

 

18:00 UTC 28.8.2018

 

Skipper

Distance to finish

Miles run last 24hrs

Distance behind leader

1

Jean- Luc VDH (FRA)

Rustler 36 Matmut

 17791

 109

 0

2

Mark Slats (NED)

Rustler 36 Ohpen Maverick

 18759

 114

 968

3

Gregor McGuckin (IRE) 

Biscay 36 Hanley Energy EnduranceAre  

 18965

 137

 1174

4

 Are Wiig (NOR)

OE 32 Olleanna

 19008

 133

 1217

5

Uku Randmaa (EST) 

Rustler 36 One and All

 19099

 130

 1308

6

 Abhilash Tomy (IND) 

Suhaili replica Thuriya

 19507

 146

1716

7

Susie Goodall GBR)

Rustler 36 DHL Starlight

 19529

 85

 1738

8

Loïc Lepage (FRA) 

Nicholson 32 Laaland

19804

 -3

 2013

9

Igor Zaretskiy (RUS) 

Endurance 35 Esmeralda

19970

 44

2179

10

Tapio Lehtinen (FIN) 

Gaia 36 Asteria

20077

 15

 2286

11

 Istvan Kopar (USA)

Tradewind 35 Puffin

 20173

 105

 2382

12

Mark Sinclair (Aus) 

Lello 34 Coconut

20343

132

 2552

 

 

 

 

 

CAROZZO CLASS 

1 Francesco Cappelletti (ITA) Endurance 35 007

RETIRED 

Ertan Beskardes (GBR) Rustler 36 Lazy Otter 

Kevin Farebrother (AUS) Tradewind 35 Sagarmatha 

Nabil Amra (PAL) Biscay 36 Liberty II

Philippe Péché (FRA) Rustler 36 PRB

Antoine Cousot (FRA) Biscay 36 Métier Intérim

 

VIDEO: CHI E' ARE WIIG, 58 ANNI, NORVEGESE: LA SUA STORIA VELICA ALLA VIGILIA DELLA PARTENZA DEL GGR

 

VIDEO INTERVISTA DI ARE WIIG: LE MIE PAURE IN MARE

 

 

FRANCESCO CAPPELLETTI HA PASSATO L'EQUATORE IL 24 AGOSTO: ECCO LA REGISTRAZIONE DEL SUO CONTATTO RADIO

 

INTANTO, IN TESTA ALLA FLOTTA... UN VIDEO PER SENTIRSI A BORDO CON JEAN-LUC VAN DEN HEEDE

Responsabilità editoriale di Saily.it