Si chiama Duemila Venti, e sarà l'anno della Vela!

Un articolo da leggere con l'agenda sul tavolo e la cerata pronta...

Responsabilità editoriale Saily.it

GUIDA RAGIONATA AI PROSSIMI 12 MESI - Porta nel nome la nostra materia prima, ha un calendario clamoroso, e tanta Italia: World Cup olimpica a Genova, esordio America's Cup a Cagliari, Mondiale Optimist a Riva del Garda, 60° Salone Nautico di Genova. DAL 26 LUGLIO AL 5 AGOSTO LE REGATE OLIMPICHE DI TOKYO 2020! L'8 novembre parte il Vendée Globe con Giancarlo Pedote! Oceano, altura, derive, saloni, crociere, mari da salvare. Come siamo e come saremo - E SAILY COMPIE 10 ANNI!

 

Chi ha scritto l'incredibile copione di "Duemila Venti, l'anno della Vela"? Soggetto e sceneggiatura sono già da Oscar, per la sommatoria di momenti clou inzeppati nel calendario. Tre dei quattro massimi eventi del nostro sport (Olimpiadi, Coppa America, giro del mondo in solitario senza scalo Vendée Globe) sono concentrati nei prossimi 10 mesi, comprendendo anche l'avvio del 2021. Il quarto è la regata intorno al mondo, oggi The Ocean Race, che a sua volta prenderà il via nel 2021, e si concluderà nel 2022 proprio in Italia, ancora a Genova.

Genova, forse non a caso sede della Federazione Italiana Vela, diventa un grande hub dello yachting. Ad aprile torna la tappa finale della Coppa del Mondo di vela olimpica. Quest'anno nobilitata e resa decisiva quale ultima prova di qualifica olimpica, oltre che utilizzata da molti paesi per le selezioni interne. A settembre il Salone Nautico compie sessanta anni e sessanta edizioni: un traguardo da festeggiare adeguatamente. Ma è tutta l'Italia che è interessata direttamente o indirettamente a questo grande anno di vela.

10 ANNI CON SAILY! - E non è solo una coincidenza, a questo punto, che il "mezzo di informazione" che state leggendo, Saily, festeggi proprio quest'anno i primi dieci anni di vita: da primo media globale, da unica web TV, in un decennio siamo diventati anche leader per presenza, costanza, audience e autorevolezza nel mondo della vela. Migliaia di notizie e contenuti, centinaia di video, un archivio on-demand immenso, e tante novità in arrivo. Prepariamoci a festeggiare insieme. Intanto, Saily vi offre l'agenda Vela 2020: segnatevi le date e incontriamoci qui...

13-19 APRILE: GENOVA, WORLD CUP E QUALIFICHE OLIMPICHE - Dopo l'esperimento del 2019 (successo di partecipazione e considerazione, nonostante una bolla di vento leggerissimo che ha funestato la settimana) Genova torna a chiudere la Coppa del Mondo di vela olimpica, ultima tappa prima della Finale che quest'anno sarà a giugno a Enoshima, il campo delle Olimpiadi... Tutte le classi olimpiche, tutte le nazioni, molte future medaglie, molti atleti in corsa per l'ultimo posto olimpico disponibile nelle 10 categorie. Quattro campi di regata, il Padiglione B con windsurf, Laser, Finn, e 470 al coperto, l'area del Salone nautico che ospita 49er e Nacra 17, spettacolo a terra con centinaia di barche che escono dal porto, premiazioni ancora con la muta addosso al rientro in porto, città in festa con apertura in Piazza e molti eventi collaterali.

Come già lo scorso anno, Genova e la vela olimpica a meno di quattro mesi dai Giochi saranno un trampolino anche per la comunicazione e la visibilità dello sport velico. Previste dirette RAI e coinvolgimento di molti giornalisti e testate. E' l'ultima grande unica occasione per vedere tutti (proprio tutti) i velisti della squadra Italia Sailing Team all'opera nelle 10 classi. Se siete appassionati di vela o regatanti, e volete far sentire l'affetto e il supporto ai nostri azzurri probabili olimpici, Genova è l'occasione giusta: venite, fatevi vedere e sentire, anche la vela è Grande Sport e ha bisogno del suo pubblico, di tifosi "giusti".

In parecchi casi le regate saranno anche un importante momento di osservazione per i tecnici intenti a selezionare gli equipaggi che rappresenteranno la vela azzurra alle Olimpiadi: le decisioni e le comunicazioni sui selezionati sono previste tra marzo e maggio. Sono i mesi più incandescenti del quadriennio, quelli nei quali si finalizza tutto il lavoro progettato e attuato dal Direttore Tecnico Michele Marchesini, il suo staff tecnico, tutti gli atleti, sotto l'egida del Presidente FIV Francesco Ettorre.

23-26 APRILE: CAGLIARI, AMERICA'S CUP WORLD SERIES - Neanche il tempo di finire di commentare la vela olimpica genovese, che tutti gli occhi si spostano sulla Sardegna, dove andrà in scena uno dei momenti storici più attesi dell'anno, le prime regate e i primi verdetti tra i quattro sindacati di Coppa America e le loro barche nuovissime e in gran parte ancora da comprendere fino in fondo, gli AC75 foiling, monoscafi progettati per navigare volando! Per quattro giorni, più quelli preparatori, il golfo si riempie del gotha della vela.

1) Il defender Emirates Team New Zealand (RNZYC) guidato da Grant Dalton, primo a varare e a volare in manovra, con il timoniere oro olimpico Peter Burling affiancato dal mago del foiling Glenn Ashby. 2) Il challenger of record (primo sfidante) Luna Rossa Prada Pirelli Team guidato da Max Sirena, guidone del Circolo della Vela Sicilia ma di casa a Cagliari dove ha la sua base da anni, con almeno due timonieri di ruolo, Francesco Bruni e James Spithill, ai quali secondo i rumors potrebbe aggiungersi l'emergente Ruggero Tita. 3) American Magic (New York Yacht Club) guidato da Terry Hutchinson, primi a navigare (il suppostone...), con due timonieri fuoriclasse come Dean Barker e Paul Goodison. 4) Gli inglesi di Ineos UK del leader Ben Ainslie, con il più radicale e sorprendente design (la prua bassissima sull'acqua e le fiancate piatte), e con ampia scelta di timonieri dallo stesso Sir Ben a Giles Scott.

Di barche, team, segreti e sorprese si parlerà tanto nelle prossime settimane, a partire dalle immagini di Luna Rossa e Britannia (Ineos) in allenamento a Cagliari. Con i team progettuali e costruttivi febbrilmente a lavoro per la realizzazione delle seconde barche, i mesi del 2020 resteranno probabilmente i più intensi ed elettrizzanti dell'intera 36 America's Cup, considerando a giugno la seconda tappa delle World Series a Portsmouth (UK) e quindi il trasferimento di tutti dall'altra parte del mondo ad Auckland per la terza e ultima ACWS e per la volata finale a inizio 2021 con la Prada Cup tra sfidanti e il match della XXXVI America's Cup by Prada.

LA LUNGA PRIMAVERA DELLA VELA OLIMPICA - L'anno olimpico della vela, prima di Genova World Cup, vivrà altri momenti clou: solo a febbraio ben 7 classi disputano il Mondiale: tornano già i tre Mondiali 49er, FX e Nacra 17 (con l'Italia ancora defender stavolta del titolo vinto a Auckland appena a dicembre da Vittorio Bissaro e Maelle Frascari, con Ruggero Tita e Caterina Banti past-world champions, insomma tutto da seguire!), appuntamento dall'11 al 16 febbraio a Geelong in Australia (incendi permettendo: lo staff tecnico azzurro e la dirigenza FIV stanno monitorando gli sviluppi e hanno diffuso consigli e link utili per atleti e tecnici alcuni dei quali già partiti). 

Sempre in Australia (Melbourne) 18-23 febbraio i Mondiali Laser Standard maschile (caccia alla qualifica olimpica per nazione che manca all'Italia!), e a seguire 23-28 febbraio Laser Radial femminile (confronto aperto in chiave selezione interna). In contemporanea 24-29 febbraio, a Sorrento (che a dispetto del nome è sempre in Australia), i due Mondiali del windsurf olimpico RSX maschile e femminile, dove aspettiamo conferme importanti dai nostri atleti.

A marzo (16-21) in Spagna altri due Mondiali, 470 maschile e femminile: qualifiche in tasca, sarà l'occasione di definire i rapporti di forza e dare indicazioni finali sulla selezione degli equipaggi per Tokyo 2020, scelta che appare più segnata per i maschi e meno scontata tra le ragazze, comunque situazione interessantissima. Prima di Genova anche Palma (1-4 aprile), tradizionale appuntamento col Trofeo Princesa Sofia.

Dopo Genova invece, maggio sarà il mese con ben sette Europei di classi olimpiche, tre delle quali in Italia per un Garda-Show da segnarsi in agenda: Malcesine 11-17 maggio per l'Europeo Nacra 17 foiling! E Riva del Garda (purtroppo o per fortuna concomitante 11-17 maggio) Europeo 49er e FX. Acque che i velisti azzurri conoscono bene per tanti allenamenti passati. Sempre negli stessi giorni l'Europeo RSX maschile e femminile in Grecia. E ancora Grecia, 18-23 maggio per gli Europei Laser Standard e Radial. Ma prima (4-9 maggio), Hyeres farà da sfondo agli Europei 470 M/W. E' probabile che col mese di maggio si chiudano le scelte selettive degli equipaggi per Tokyo 2020, sarà in qualche modo l'epilogo di un quadriennio di lavoro, e l'inizio del rush finale che per gli azzurri olimpici porterà alle regate di Enoshima...

SIAMO TUTTI GIAPPONESI! 26 LUGLIO-5 AGOSTO, REGATE OLIMPICHE TOKYO 2020 (ENOSHIMA) - La cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici col suo corredo di emozioni è in programma allo stadio olimpico di Tokyo venerdi 24 luglio. Solo 48 ore dopo, domenica 26 luglio, via alle regate olimpiche a Enoshima, piccola isola nella baia di Sagami, meno di 100km a Sudovest di Tokyo. Campo di regata imprevedibile, ondoso, con rischi eguali di bonaccia e tifoni di stagione... Le prime classi a scendere in acqua saranno le tavole RSX maschili e femminili e i Laser Radial femminili. Quindi in un crescendo e con un calendario che prevede due o tre prove di giornata e un turno di riposo o di recupero, massimo sforzo tra mercoledi 29 e giovedi 30 luglio, per poi aprire la volata verso le medaglie...

LE DATE DELLE MEDAL RACE OLIMPICHE - I sogni hanno questo calendario:

Sabato 1 agosto Medal Race RSX M/W

Domenica 2 agosto Medal Race Laser Standard e Radial

Lunedi 3 agosto Medal Race 49er e 49er FX

Martedi 4 agosto Medal Race catamarano Nacra 17 misto foiling e Finn

Mercoledi 5 agosto Medal Race 470 M/W

Previste cerimonie di premiazione sul podio olimpico la sera degli stessi giorni delle finali. Giorni di grandi speranze ed emozioni, giorni da cuori forti, si lavora per offrire una copertura ottimale che preveda adeguata presentazione, guida a come seguire le regate, orari flessibili per il fuso orario, tante news, foto, video, dirette RAI e programmazioni web dedicate...

VENTI ANNI DOPO SYDNEY 2000... - Il 2020 segna una ricorrenza straordinaria: i venti anni dai Giochi Olimpici di Sydney 2000, che restano quelli di maggior successo per la vela italiana, con le medaglie d'oro di Alessandra Sensini (windsurf Mistral) e d'argento di Luca Devoti (Finn). Insieme una ricorrenza, una celebrazione e uno stimolo. Da parte nostra stiamo lavorando a un grande progetto editoriale per onorare il ricordo di un risultato storico, da parte degli atleti l'impegno di provare a ripeterlo e a migliorarlo... Keep in touch!

ALTRA GRANDE VELA IN ITALIA - Non solo Genova e Cagliari: oltre agli Europei citati a Riva e Malcesine, avremo il Mondiale dei catamarani Formula 18 a Formia (6-11 luglio), e sempre la cittadina del basso Lazio ospiterà due Europei giovanili della classe olimpica 470 e della classe 420 (date a cavallo con le Olimpiadi).

Dal 19 al 24 giugno Mondiale tavole Funboard a Torbole. Dal 12 al 18 luglio a Calasetta in Sardegna il Mondiale O'Pen Skiff (l'ex O'Pen BIC). Dal 15 al 19 luglio il Mondiale Kiteboarding a Gizzeria in Calabria. Dal 17 al 24 sempre di luglio ancora Malcesine con gli interessantissimi Mondiali Under 21 della galassia Laser (sperando che resti questo nome, per una deriva che ha fatto la storia): Standard M e Radial M/W. Stesse date per il Mondiale dei cat Formula 16 a Gravedona, sul lago di Como. Località che tornerà protagonista poco dopo (2-8 agosto) per i Mondiali dei catamarani Nacra 15, 16, 18 e 20.

Evento che si annuncia da solo sarà il Mondiale Optimist negli scenari dell'alto Garda, a Riva, una delle "case" della classe: dall'1 all'11 luglio una gran fetta di futuro si sfida tra Ora e Peler, con l'Italia in veste di tripla defender visti i trionfi 2017-2018-2019 di Marco Gradoni, ormai passato ad altra classe: altri azzurri ne raccoglieranno l'eredità? Ancora big event: 18-24 agosto triplo Mondiale Juniores delle tre classi olimpiche cugine: 49er, FX e Nacra 17 sull'alto Lario.

Un altro spot iconico della vela e dell'Italia sul mare, Capri, sarà teatro (durante la Rolex Capri Week in forte crescita) dell'Europeo ORC di vela d'altura, il cui inseguimento per molti team è già iniziato. Dal 29 aprile al 5 maggio a Muggia interessante Europeo dell'inossidabile monotipo J24. Si vedranno due volte (a Scarlino e Porto Cervo) i TP52 del circuito Super Series. Mondiale Maxi e Rolex Swan Cup riempiono le prime due settimane di settembre.

Dal 13 al 17 settembre ancora Scarlino offrirà uno spettacolo notevole: il Mondiale dei monotipi di casa Nautor's Swan, Swan 45 e ClubSwan 50, e l'Europeo di altre due, ClubSwan 36 Club e Club Swan 42.

OFFSHORE D'AUTORE - Dal calendario completo FIV del Campionato Italiano Offshore, segnaliamo gli appuntamenti solitamente più seguiti e partecipati o ad alto coefficiente: dalla Roma per 2 e per Tutti (4 aprile), alle adriatiche La Duecento (1 maggio), La Cinquecento (31 maggio) e Brindisi-Corfù (7 giugno), ai record della 151 Miglia Trofeo Cetilar (30 maggio), e della Rolex Giraglia (7 giugno), alla novità dei Ciclopi (Tropea 19 giugno), fino alla Palermo-Montecarlo (19 agosto). Sempre interessante, da fare o da seguire, la formula della Scheria Cup (9-10 maggio): 24 ore intorno all'isola di Ischia, impossibile annoiarsi!

REGATE FIV - Anche se è concentrata sulle Olimpiadi, la Federvela attende e cura le sue regate "flagship", queste le date del 2020 da tenere a mente: 1) Campionato Italiano di vela d'Altura (Gaeta 25-29 agosto); 2) Campionati Italiani Giovanili classi in Singolo (Cagliari fine agosto, primi di settembre); 3) Campionati Italiani Giovanili classi in Doppio (Dervio 10-13 settembre); 4) Campionati Italiani Classi Olimpiche (CICO, Follonica 24-27 settembre, più 2.4 e Hansa 303 Paralimpiche a Scarlino). La novità dell'anno è l'introduzione di un altro evento aggregante, dedicato alle "altre classi": nasce il Campionato Italiano Multiclasse, quest'anno Fireball, Vaurien, Flying Junior, Cat A (Bracciano 20-21 giugno).

70 CENTOMIGLIA DEL GARDA - Imperdibile il 5 e 6 settembre l'edizione del settantesimo della celebre regata intorno al grande lago con partenza e arrivo a Gargnano. Una storia fatta di nomi e barche eccellenti e soprattutto di vicende che hanno seguito e a volte improntato l'evoluzione della vela. Gli organizzatori per il settantesimo hanno in serbo parecchie sorprese, meglio organizzarsi per esserci...

BARCOLANA 52 - Con tutti gli onori che si addicono alla regina dei numeri, alla regata del Guinness dei primati, torna la seconda domenica di ottobre la Coppa d'Autunno divenuta ormai leggenda ed esempio mondiale. Anche quest'anno villaggio ed eventi per due settimane, tour e gemellaggi sempre più internazionali (sarà l'anno della Cina), grande comunicazione, messaggi, evento multi-livello, obiettivo superare le duemila barche, in bilico tra Bora e bonaccia... In poche parole: impossibile mancare, Barcolana siamo noi!

OCEANO E OFFSHORE OLIMPICO - Per i Mini 650 è anno pari quindi di preparazione alla prossima Mini Transat. In Italia e in Francia un circuito ricco e impegnativo, i ministi italiani crescono e c'è da scommettere che la vittoria di Ambrogio Beccaria nel 2019 porterà entusiasmo, sponsor, sviluppo. Quanto a lui, Bogi Beccaria, ha annunciato che farà una transat in doppio su un Figaro 3 (con la francese Amelie Grassi), e poi seguirà con attenzione le vicende selettive che riguardano la classe olimpica Offshore doppio misto 2024. Con lui parecchi altri nomi a formare coppie con velleità d'altomare a cinque cerchi (su Saily abbiamo annunciato Alberto Bona e Cecilia Zorzi, e non mancheranno di certo i marinai Andrea Pendibene e Giovanna Valsecchi). Prevista una regata di selezione a Valencia in primavera e quindi il primo confronto "mondiale" alla Middle Sea Race a ottobre. L'Offshore olimpico potrà creare un flusso di comunicazione intermedio tra le derive e l'altura, aumentando la visibilità della vela? Lo vedremo.

Per un preview completo e dettagliato sulla stagione 2020 della vela oceanica, vi rimandiamo all'articolo di Christophe Julliand (QUI).

Giovanni Soldini e Maserati Multi 70 continueranno la caccia a grandi regate e record oceanici. Alcuni navigatori italiani si cimenteranno con Class 40 e Figaro (Bona ci riprova con Sebago). Ma inutile negare che alla voce "Oceano" il 2020 è legato fondamentalmente a due parole: Vendée Globe! Le barche coinvolte, IMOCA 60, faranno alcune regate di warm-up e qualifica, alle quali parteciperà anche l'italiano Giancarlo Pedote: con partenza il 10 maggio la Transat Brest-Charleston; e con partenza il 16 giugno la New York-Vendée. E poi...

IL VENDEE GLOBE ALL'ITALIANA (FINALMENTE): PARTENZA 8 NOVEMBRE - Abbiamo detto che il Vendé Globe è una delle quattro grandi regate del mondo della vela, insieme a Olimpiadi, Coppa America e The Ocean Race. Grazie a Giancarlo Pedote e a Prysmian Group, l'Italia torna alla regata più importante e impegnativa della vela oceanica: il giro del mondo in solitario senza scalo e senza assistenza, da Les Sables d'Olonne a Les Sables d'Olonne, lasciando a sinistra Buona Speranza, Leeuwin, Horn. Trentamila miglia di passione, grazie alla tecnologia saranno (quasi) in diretta web e tutti da seguire. Giancarlo Pedote e il suo sogno saranno al via dell'8 novembre. E noi con loro, per seguirli nella straordinaria circumnavigazione!

PIANETA VELA GIOVANILE - Detto dei Mondiali Optimist e O'Pen Skiff in Italia, la vela giovanile è ormai un anello cruciale della filiera di questo sport. Base di pubblico e praticanti, serbatoio di campioni, fabbrica di futuro. Oltre ai citati singoli cui va aggiunto il Laser 4.7, la vela baby coinvolge il windsurf (sembra che oltre al T293 vedremo presto tavole giovanili con i foil), le classi in doppio come l'intramontabile 420, trampolino per qualsiasi barca adulta, il 29er acrobatico, l'RS Feva per giovanissimi, la residua attività con il glorioso L'Equipe, quindi i catamarani Nacra 15 per già esperti, Hobie 16 per tutti e Hobie Dragoon per i più piccoli, tendenzialmente in coppie miste. Tra allenamenti di circolo, raduni zonali e nazionali, circuiti di regate, eventi internazionali e le citate feste FIV a fine estate, il massimo della vela giovanile planetaria resta l'appuntamento Youth Sailing Worlds, quest'anno in Brasile a Salvador de Bahia, dall'11 al 19 dicembre. L'Italia della vela baby, guidata da una certa Alessandra Sensini che il mondo continua a invidiarci, è da un decennio stabilmente ai vertici assoluti. E vuole restarci.

IL 60° SALONE NAUTICO DI GENOVA - Dicevamo delle coincidenze: nel 2020 compie sessant'anni una delle più belle storie di mare italiane, il Salone Nautico di Genova (ulteriormente anticipato: 17-22 settembre). Passato nei decenni dai boom alle recessioni, attraversando le generazioni, le ere politiche, le stagioni industriali, le evoluzioni tecnologiche, il Salone di Genova ha saputo restare prima di tutto un aggregatore di passioni e una vetrina di progresso. A sessant'anni il Salone si sente ancora giovane e riserverà altre sorprese, a cominciare dalla ritrovata unità della nautica in Confindustria, e sperando con la capacità di guardare ai giovani e al modo di avvicinare alla barca un pubblico più vasto.

Non male il menu, vero? E non è tutto: altre situazioni, storie, personaggi si aggiungeranno anche a sorpresa. Voi scegliete la vostra vela. E state sicuri che su Saily le troverete tutte. Buon anno dai nostri dieci anni.

Responsabilità editoriale di Saily.it