Vitto e Maelle: Collare d'oro!

Vela protagonista alla cerimonia CONI

Responsabilità editoriale Saily.it

FOTO E VIDEO - Il prestigioso riconoscimento ai due atleti della vela azzurra, nel corso della cerimonia al CONI, alla presenza del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, del Ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora, del Presidente del CONI Giovanni Malagò e del Presidente FIV Francesco Ettorre. E' il sesto collare d'oro per la Vela in cinque anni dopo Giulia Conti e Francesca Clapcich (2015), Ruggero Tita e Caterina Banti (2018)

 

Lo sport italiano vive la sua giornata di festa e orgoglio, una fetta di Paese che funziona e sprigiona gioie, risultati, emozioni, dimostrazioni di passione ed efficienza. Il Governo si inchina, il mondo sportivo si stringe intorno ai suoi campioni simbolo, alle gesta che restano, ai sorrisi e agli abbracci. In questo contesto di legittima soddisfazione, di sottolineature positive in un momento in cui il negativo è ovunque e opprime l'ottimismo, la Vela continua a fare la sua parte. Questo è il messaggio nel messaggio: la Vela c'è, in prima fila. 

Singolarmente, per una volta, si parte invertendo l'ordine alfabetico, così i nostri due velisti mondiali, Vitto e Maelle, salgono per primi sul palco. Sullo sfondo le immagini di Auckland e del recentissimo titolo iridato in Nuova Zelanda. Schermidori, nuotatori, ciclisti, canottieri, pallanuotisti, tutti per una volta costretti a stropicciarsi gli occhi davanti allo spettacolo di un catamarano che vola con a bordo un ragazzo e una ragazza e il tricolore sulla randa.

L'ingegnere è emozionato, ma riesce a concludere un discorso molto netto sotto le apparenze banali: "L'emozione più grande non è essere qui ma il ricordo dei giorni del nostro mondiale." Ma poi ammette: "E' importante per noi velisti essere qui in mezzo a tanti personaggi dello sport." In prima fila lui e Maelle sono seduti tra Federica Pellegrini e Alex Zanardi.

La filosofa invece va a ruota libera senza freni, sfrontata, fossette sulle guance in fibrillazione, risponde così a una domanda del presentatore su cosa accomuna l'equipaggio del catamarano azzurro: "La 'tigna' in barca, la voglia di vincere, la musica rock alla quale pensiamo sempre in mare, penso che questo sprigiona il massimo, da due caratteri molto diversi ma complementari." Questi sono gli atleti della vela azzurra: belli, colti, preparati, forti dentro e fuori, e lo sport condivide con applausi convinti.

Del resto ci stiamo abituando, per la vela è il sesto Collare d'Oro in cinque anni: Vittorio e Maelle infatti fanno seguito ai riconoscimenti andati a Giulia Conti e Francesca Clapcich (nel 2015 per il Mondiale 49er FX), e più di recente a Ruggero Tita e Caterina Banti (nel 2018 per il Mondiale Nacra 17). Non è una statistica di poco conto, e giova rilevare che questo grafico appagante ricade al 100% sotto la gestione dell'attuale direzione tecnica di Michele Marchesini e del suo staff, nonchè per due terzi sotto la presidenza di Francesco Ettorre. Nello sport moderno, un premio agli atleti sottintende sempre una oculata ed efficace gestione tecnica. Non è un caso che gli stessi Collari prevedano riconoscimenti anche ai tecnici, e prima o poi il CONI si accorgerà dei nostri.

Così come presto vedremo dei Collari d'Oro che andranno ai vincitori di Mondiali di Classi olimpiche della vela antecedenti al 1995, la data di istituzione del premio. Il CONI lo ha ribadito, ieri sono stati indirizzati i primi Collari "storici", alcuni anche in contumacia. E si è appreso che nella prossima edizione toccherà anche ad alcuni velisti. La prossima edizione che - inutile ricordarlo - cadrà dopo le Olimpiadi di Tokyo 2020. E non aggiungiamo altro...

REPLAY DELLA DIRETTA SU RAI SPORT DELLA CERIMONIA (LA VELA DAL MINUTO 9:45)

IL RACCONTO E LE PAROLE DELLA GIORNATA - (Federvela) Un giorno di grande festa per lo sport italiano, il tradizionale appuntamento con il conferimento degli annuali Collari d'Oro al Merito Sportivo, la massima onorificenza del movimento sportivo, è stata l'occasione per un nuovo riconoscimento alla vela che vince, con il premio consegnato a Vittorio Bissaro e Maelle Frascari, i due atleti campioni del mondo pochi giorni fa in Nuova Zelanda sul catamarano olimpico Nacra 17.

La cerimonia dei Collari d'Oro 2019 al Merito Sportivo è stata trasmessa in diretta da Rai Sport ed ha avuto importanti protagonisti e intervenuti al fianco del padrone di casa, il Presidente del CONI Giovanni Malagò, tra i quali il premier Giuseppe Conte, il Ministro per lo Sport Vincenzo Spadafora, il Vice Presidente CONI Alessandra Sensini, il Presidente FIV Francesco Ettorre. Raggianti e felici i due atleti della vela hanno ritirato il premio alla presenza di queste importanti autorità, Vittorio Bissaro con la divisa delle Fiamme Azzurre (Gruppo Sportivo della Polizia Penitenziaria), Maelle Frascari con quella del Circolo Canottieri Aniene. 

Il Presidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre: "É stata una giornata molto importante per tutta la vela italiana, e in particolare per Maelle e Vittorio che oggi hanno ricevuto i collari, e lo hanno fatto per primi. É sempre una splendida emozione vedere tra i grandi campioni dello sport anche i nostri atleti e sicuramente la vela negli ultimi anni ha fatto un salto di qualità e di visibilità importante. Grande giornata di sport, presente e passato."

Dall'intervento del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte: "Voi ci fate emozionare e sognare, ci date entusiasmo con il vostro impegno che ha anche un rilievo etico. Voi incarnate l'Italia migliore, quella che ci piace. Il Governo sarà al vostro fianco, pronto a realizzare i progetti futuri. L'Italia sta diventando, con merito, il centro del panorama sportivo mondiale, grazie al CONI, al Presidente Malagò e a tutte le Federazioni. Lo sport è fattore di inclusione e ci unisce tutti, nonni e giovani, Nord e Sud. Intanto vi auguro buone feste e buona olimpiade di Tokyo"

Il Presidente CONI Giovanni Malagò ha detto: "Grazie presidente Conte per la vicinanza che ci ha mostrato, per il sostegno politico e morale che ci ha garantito nei momenti di difficoltà che ci sono e ci saranno sempre ma col governo al nostro fianco sarà più facile vedere questi campioni rappresentare l`eccellenza dell`Italia nel mondo. Voglio dire anche un grazie sentito anche al Ministro Spadafora: da subito ha mostrato attenzione e passione verso il nostro mondo ereditando una situazione non certo semplice e di tutto questo gli sono grato. Ai nostri atleti rivolgo un fiero applauso a nome di tutti gli sportivi per le imprese che ci hanno regalato e per l’esempio che riescono a veicolare ogni giorno grazie all’impegno e alla determinazione che li caratterizza. Sono sicuro che riusciranno a regalarci ancora tanti successi, con l’obiettivo di lasciare un segno importante a Tokyo 2020”.

I CAMPIONI MONDIALI 2019 PREMIATI CON IL COLLARE D'ORO 2019

ARRAMPICATA SPORTIVA: Ludovico Fossali (Speed)

CICLISMO: Vittoria Bussi (Primatista dell’ora femminile – record conquistato il 13 settembre 2018)

MOTOCICLISMO: 
Lorenzo Dalla Porta (Moto 3)

NUOTO: Simona Quadarella (1500 sl, Federica Pellegrini (200 sl)

PALLANUOTO: Matteo Aicardi, Michael Alexandre Bodegas, Marco Del Lungo, Francesco Di Fulvio, Edoardo Di Somma, Vincenzo Dolce, Oscar Gonzalo Echenique, Niccolò Figari, Pietro Figlioli, Vincenzo Renzuto Iodice, Stefano Luongo, Gianmarco Nicosia, Alessandro Velotto

TAEKWONDO: 
Simone Alessio (-74 kg)

TIRO A VOLO: Diana Bacosi (Skeet)

VELA: Vittorio Bissaro e Maelle Frascari (Nacra 17) 

Sono stati inoltre premiati con i Collari d'Oro anche i campioni del mondo 2019 degli sport Paralimpici, i campioni mondiali Global Games, i campioni del mondo prima del 1995, nonchè ad alcune Società e personalità.

Responsabilità editoriale di Saily.it