I Mediterranei: nel 2020 ripartiamo!

A navigare non si sbaglia mai!

Responsabilità editoriale Saily.it

GUARDA DUE VIDEO DA BORDO - Cosa farà Progetto Mediterranea dopo la fine del viaggio di 5 anni lungo le coste del Mare Nostrum? Facile (e giusto): "Continuerà a navigare"! Ecco cosa è emerso dalla riunione del Comitato dei Rais di Progetto Mediterranea Team. E perchè essere pronti a ripartire con loro, verso "il Nuovo Modello mediterraneo di vita verso cui migrare"...

 

"Allora? cosa ha deciso Progetto Mediterranea, riunito a Forlì?" Qualcosa che è bene comunicare a tutti. Ecco cosa farà Progetto Mediterranea - Seconda Fase (2020-2022): "Primo, continuare a navigare. Almeno per i prossimi tre anni. Secondo, Il concetto della spedizione resta immutato: una spedizione nautica a vela, condotta da un ampio gruppo di persone, che fa ricerca per trovare il Nuovo Modello mediterraneo di vita verso cui migrare.

"Unica differenza col passato: in questa nostra ricerca passeremo dal "telescopio" al "microscopio". Dopo aver navigato per sei anni lungo tutte le coste del Mediterraneo, ci concentreremo su zone specifiche, più lenti, più da vicino, per vedere meglio, sentire meglio, vivere meglio il mare e le terre mediterranee..."

E poi, terzo: stare in mare ogni anno il più possibile, si comincia con 7 mesi, l'ideale a cui tendere è anche 12 mesi, dipenderà dalla disponibilità di tempo e di comandanti... (Come dargli torto?). 

LA NUOVA ROTTA - Ecco una prima idea, diciamo orientativa, sulla nuova rotta (quella definitiva è annunciata per marzo 2020).

- PRIMO ANNO:  Mediterranea navigherà sette mesi tra Provenza, Corsica e Sardegna, palmo a palmo.

- SECONDO ANNO: tra Sicilia meridionale, Calabria, Puglia, fino alle Tremiti (magari, se riesce, puntata secca su Venezia, che mancammo al primo tour. Vedremo), poi Montenegro, Albania e Grecia ionica, fino al Peloponneso occidentale.

- TERZO ANNO: Peloponneso e le migliaia di isole egee tra Grecia e Turchia.

C'è dell'altro. Ai tre obiettivi (culturale, scientifico e nautico) si è naturalmente aggiunto il quarto: quello sociale. Mediterranea è un laboratorio di persone, che si svolge in continuo a bordo, tra donne e uomini in mutamento  e che si rivolgerà anche verso l'esterno.

Inoltre agli obiettivi "orizzontali" suddetti, validi per tutto il tempo della spedizione, si aggiungeranno progetti verticali tematici, della durata di una settimana almeno, o più, da svolgersi navigando e che riguarderanno: cibo, territorio e ambiente, arte e cultura, filosofia e cambiamento, scrittura creativa, musica, lettura, autoproduzione.

La formula resta invariata: chi sosterrà la spedizione per tutti e tre gli anni farà parte del gruppo base, i "Mediterranei", potendo salire a bordo quando vuole; chi vorrà sostenerla solo saltuariamente farà parte degli "Amici di Mediterranea" e dunque potrà salire a bordo quando vuole, prenotando in base alle disponibilità. Chiunque voglia diventare "Mediterraneo", cioè far parte dell'equipaggio stabile che sostiene la spedizione per tutti e tre i prossimi anni, dovrà necessariamente, prima di aderire a Progetto Mediterranea, salire a bordo almeno per una settimana per conoscersi reciprocamente.

"Dunque Progetto Mediterranea, che doveva fermarsi a fine spedizione, riparte. E lo fa crescendo, aumentando eppure rallentando, per sentire tutto meglio. Per sentirsi. Per sentirci. Il tutto insieme ai "vecchi" compagni della prima fase della spedizione (2014-2019) e ai nuovi compagni che la seconda fase 2020-2022 ci offrirà."

DUE VIDEO DA BORDO

Responsabilità editoriale di Saily.it