Trofeo Gorla british Tra pioggia e onde

Sul grande lago sembra inverno

Responsabilità editoriale Saily.it

Il 52° Trofeo Riccardo Gorla Sicurplanet si è svolto sotto la pioggia e con il Garda increspato di onde. Vittoria per Uno dello skipper Matteo Pilati - VIDEO SU SAILY TV

 

Alle 11.02.03, sotto la pioggia e un Garda più britannico che mai, taglia il traguardo del 52° Trofeo Riccardo Gorla Sicurplanet "Uno" condotto dallo skipper veronese Matteo Pilati. E' la sua seconda vittoria consecutiva nel Trofeo Riccardo Gorla. L'anno scorso, in una giornata ricca di vento e di sole, si era imposto con l'altro X40, quel Sicurplanet 2, suo avvesario di ieri,che per tutta la prova, ha battagliato senza tregua, staccato di un 100-150 metri, e che fino all'ultimo non si è mai dato per vincere.

Con Pilati c'erano il tattico Luca Modena, il randista Lorenzo Bianchini Francesco Drago, Jas Farneti, Matteo Mason,  Francesco Drago e Matteo Parison. Gli avversari, quelli di Sicurplanet 2 erano il timoniere Matteo Ferraglia, i pluricampioni dei Melges 24 Carlo Fracassoli e Stefano Lagi. Terzo  è lo svedese Hakan Swensson con l'M 32 Wikings, barca reduce dalla Euro Cup, davanti a tutti fino a Malcesine.

Quarto è il Gc 32, il 10 metri dell'altra serie delle gare Xtreme. E' il Marwin dello svizzero Flavio Marazzi, skipper olimpico con la Star. Quinto con un ultimo scatto di reni all'arrivo è The Red Quantum, l'X 40 del lago Balaton condotto dall'ungherese Kilary Zsolt, lo skipper di Raffica,  a bordo i fratelli  Tonini e Benamati. Primo dei Monocarena è Clandesteam condotto da Luca Dubbini e il team del Circolo Vela di Toscolano-Maderno.

Negli Asso 99 vince Idefix dei fratelli Cavallini, nei Dolphin Twister-Sterilgarda di Bocchio-Polettini, nei Protagonist 7.5 del Nexis di Luca Brighenti. Negli Hight Tec affermazione per Lb 10 - Eclisse di Pietro Bovolato, nell'Orc in tempo reale del Black Arrow di Walter Caldonazzi, nel Tempo compensato assoluto dell'armo austriaco Lisbeth del lago di Costanza, barca danese ancora in legno.

www.centomiglia.it 

Responsabilità editoriale di Saily.it
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: