Morta Anna Cisero, cordoglio Rosset

'Coraggiosa staffetta partigiana, scampata alla deportazione'

"Coraggiosa staffetta partigiana, scampata alla deportazione in Germania, è stata per oltre cinquant'anni un punto di riferimento per il Comitato valdostano dell'Associazione nazionale Partigiani d'Italia". Così il presidente del Consiglio regionale della Valle d'Aosta, Andrea Rosset, ricorda oggi in una nota la scomparsa Anna Cisero Dati.
    "Ricordiamo anche il suo impegno nel campo del sociale - prosegue Rosset - nonché la sua azione per trasmettere la memoria storica alle giovani generazioni". Nel 2012, l'Ufficio di Presidenza del Consiglio Valle le aveva assegnato una menzione speciale nell'ambito del Premio internazionale La Donna dell'anno.

Viérin, esempio di coraggio e moralità - Anche la Giunta regionale della Valle d'Aosta si associa al cordoglio per la morte di Anna Cisero Dati, "che per oltre 50 anni è stata tra i maggiori esponenti dell'Associazione nazionale partigiani e dei valori che attraverso di essa si vogliono portare avanti". "E' con stima e con ammirazione - ha detto il Presidente della Regione, Laurent Viérin - che il Governo regionale ricorda oggi Anna Cisero Dati, memoria della lotta partigiana ed esempio di coraggio e di moralità". Anna Cisero Dati ha ricevuto nel 2010 l'onorificenza di Chevalier de l'Autonomie, riconoscimento assegnato ai valdostani che con il loro impegno sono stati da esempio, in particolare alle nuove generazioni. Queste erano state le motivazioni: "Uno straordinario esempio di forza e di morale, nonché di un radicato amore per la Valle d'Aosta, per lo spirito di giustizia e di libertà. Un esempio di donna che ha sempre posto una grande attenzione alla cura degli altri e al rispetto di valori quali la generosità e l'altruismo". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA