Valle d'Aosta conferma parte civile in Geenna

Delibera approvata oggi dalla Giunta regionale

La Regione autonoma Valle d'Aosta "ha confermato la costituzione di parte civile nel procedimento penale per reati di tipo mafioso nei confronti di soggetti privati, scaturito dall'inchiesta Geenna, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Torino". Lo prevede - secondo quanto riferito in una nota - una deliberazione approvata oggi dalla Giunta.
    "Il nuovo atto - si spiega - nasce dall'esigenza di intervenire con urgenza per la particolare situazione processuale di un imputato (Bruno Nirta ndr), per il quale in sede di udienza preliminare, il 12 dicembre scorso, il Gup aveva dichiarato la nullità della notifica della richiesta di rinvio a giudizio per mancata notificazione dell'avviso di conclusione delle indagini preliminari". Rappresenterà la Valle d'Aosta l'Avvocatura regionale. Nel corso dell'udienza preliminare del 19 dicembre scorso la richiesta della Regione di costituirsi parte civile era stata respinta per un vizio di forma.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere