Botte a dipendenti in nero, tre a giudizio

A Cervinia, dopo che camerieri chiamarono Ispettorato lavoro

Su richiesta del pm Luca Ceccanti, il gup Davide Paladino ha rinviato a giudizio Cristina Angotzi, di 45 anni, residente a Valtournenche, all'epoca proprietaria del ristorante Les Skieurs d'Antan, Monica Angotzi (42) di Torino e Franco Musso (57) di Torino nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta 'spedizione punitiva' ai danni di due dipendenti (in nero), 'colpevoli' di una segnalazione all'Ispettorato del lavoro. Per tutti l'accusa è di violazione di domicilio aggravata dalla violenza alla persona e di lesioni personali.
    Per Cristina Angotzi si aggiunge la violenza privata. I fatti ad aprile a Cervinia. In base alle indagini le vittime, avendo lavorato per mesi senza contratto e senza ricevere il compenso pattuito, si erano rivolte all'Ispettorato, i cui carabinieri si erano poi presentati nel locale sulle piste da sci.
    L'imprenditrice aveva quindi chiesto aiuto alla cugina Monica Angotzi e al suo convivente Franco Musso per organizzare con loro una violenta aggressione nell'abitazione dei due camerieri.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere