Anziana bastonata a Valtournenche, condannato 50enne

Lite per sconfinamenti bestiame a Valtournenche

Il giudice monocratico di Aosta Marco Tornatore (pm Rosa Maria Catroppa) ha condannato in abbreviato a sei mesi di reclusione Giuseppe Meynet, di 49 anni, caposquadra dei vigili del fuoco valdostani, accusato di lesioni personali aggravate ai danni di una settantenne di Valtournenche. La sospensione della pena è subordinata a una provvisionale di risarcimento di 1.500 euro.

Revocata la misura cautelare del divieto di avvicinamento ordinata nel dicembre 2018. I fatti nel novembre dell'anno scorso, in un terreno isolato a Valtournenche. Secondo la procura Meynet aveva colpito l'anziana con un bastone (prognosi di 20 giorni) per una disputa su sconfinamenti del bestiame. La difesa (avvocato Corinne Margueret) ha sostenuto, supportata dalla testimonianza di un'amica, che Meynet non si trovasse lì al momento dei fatti, sottolineando come la presunta vittima (assistita dall'avvocato Alessandra Amato) non fosse andata in pronto soccorso ma dal medico curante e solo 22 ore dopo.

La donna, sotto choc, si era rivolta ai carabinieri, riferendo di essere stata colpita sulla mano che aveva portato al capo per difendersi. Era stato sentito anche un testimone, giunto sul posto poco dopo i fatti. I rapporti tra i due proprietari erano già conflittuali per questioni riguardanti i pascoli.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere