Sicurezza, primo divieto accesso urbano Vda

Provvedimento contro fenomeni di degrado deciso dal questore

Il questore di Aosta, Ivo Morelli, ha disposto nei confronti di un cittadino extracomunitario un divieto di accesso ai centri urbani. Si tratta del primo provvedimento di questo tipo emesso in Valle d'Aosta dall'entrata in vigore della legge, nel 2017, e - fa sapere la questura - "vieta ai soggetti, già allontanati con atto formale, di fare ritorno in determinate aree urbane quali infrastrutture, fisse e mobili, ferroviarie, aeroportuali, marittime e di trasporto pubblico o aree urbane di particolare interesse stabilite con ordinanza sindacale".

Il divieto è nato per "contrastare i fenomeni di degrado urbano, come la condotta di soggetti dediti ad accattonaggio, bivacco e/o questua che creano situazioni di allarme sociale, impedendo, di fatto, alla collettività di fruire in modo tranquillo e sereno di spazi pubblici o aperti al pubblico".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere