Lettere Rollandin, chiesti due anni

Regione ha chiesto risarcimento danni morali

 Il pm Luca Ceccanti ha chiesto la condanna a due anni di reclusione per l'ex presidente della Regione Augusto Rollandin. E' imputato per abuso d'ufficio continuato e aggravato nel processo con rito abbreviato sulle lettere di patronage che, da governatore, inviò nella primavera del 2014 a tre banche creditrici per 19 milioni di euro (Bccv per 4 mln, Passadore per 5 mln, Popolare di Sondrio per 10 mln) della Casinò de la Vallée spa, che già allora era in crisi. La Regione, parte civile, ha chiesto il risarcimento dei danni morali.
    La procura sostiene che Rollandin non poteva farsi garante della casa da gioco per conto della Regione in assenza di provvedimento della giunta o del Consiglio Valle. Con quelle missive l'allora governatore aveva provocato "un ingiusto vantaggio patrimoniale" alla Casinò de la Vallée spa e "un danno patrimoniale" alla Regione, "consistito nell'assunzione di una garanzia complessiva di 19 milioni di euro".

Il gup Davide Paladino ha rinviato l'udienza al prossimo 23 luglio, per le repliche, le controrepliche e l'eventuale sentenza. L'arringa difensiva è durata circa due ore e mezza e, al termine, l'avvocato Giorgio Piazzese non ha rilasciato dichiarazioni ai cronisti.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere