Libri,Camanni racconta alpinismo ribelle

Tra politica e montagna, movimento nato a Torino negli anni '70

"Cantano Dylan e Guccini, sbadigliano con i cori alpini. Posano i vecchi scarponi della naja e scalano con le Superga. Non frequentano le notti delle partenze, preferiscono quelle dei ritorni. Se le scuole insegnano che la montagna è una maestra severa, loro cercano di farsela amica. Se i sacri manuali dicono che lo zaino è la casa dell'alpinista, loro partono senza zaino, senza giacca, senza tutto, perché la fantasia è incosciente e irresponsabile". Sono i ragazzi del Nuovo Mattino, movimento alpinistico nato all'inizio degli anni '70 a Torino (città con le Alpi sullo sfondo, che "fabbricava le auto e il mal di montagna'), descritti e raccontati dallo scrittore Enrico Camanni nel libro 'Verso un nuovo mattino. La montagna e il tramonto dell'utopia' (Editori Laterza).

In 230 pagine l'autore ripercorre le imprese di questi "giovani contestatori dai capelli lunghi e dagli abiti irriverenti", "inquieti, fantasiosi e utopisti", che "alle piazze preferiscono le montagne e cercano in parete il loro altrove e un diverso rapporto con la vita e con la natura". Li chiamavano anche il 'Circo Volante' o il 'Mucchio Selvaggio'. La loro è una "storia utopistica e tragica", che si sviluppa attorno a grandi personaggi del mondo dell'arrampicata come Gian Piero Motti, Gian Carlo Grassi, Ugo Manera, ma anche come lo scozzese Mike Kosterlitz, vincitore del premio Nobel per la fisica nel 2016.


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere