Soffiate su blitz Usl, 2 assoluzioni

Ispettore era accusato di rivelazione segreto a commerciante

 "Perché il fatto non sussiste" il gup Giuseppe Colazingari ha assolto dall'accusa di concorso in rivelazione e utilizzazione di segreti d'ufficio il dipendente dell'Usl della Valle d'Aosta Luigi Pignatelli, 46 anni (difeso dall'avvocato Corinne Margueret) e Armando Berardi, 57 anni (avvocati Massimiliano Sciulli e Jacques Fosson), all'epoca dei fatti rispettivamente ispettore sanitario e titolare del punto vendita 'Carrefour express' di Brusson, in rue Fontaine.
    Pignatelli è stato inoltre assolto dall'accusa di abuso d'ufficio e Berardi è stato condannato a tre mesi (pena sospesa) per fattispecie alimentari minori in relazione ai prodotti deteriorati.
    Secondo la procura (pm Carlo Introvigne), Pignatelli avvisava Berardi prima di effettuare i controlli sanitari nel supermercato. Inoltre il commerciante era accusato di detenere prodotti scaduti e, in alcuni casi, di alterarne la data di scadenza. Nel gennaio 2016 erano scattati i controlli dei carabinieri nel punto vendita, poi chiuso per alcuni mesi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere