Morelli-Louvin, condanna a 9.500 euro

Sentenza C. Conti, legittimi i 44 mila euro per il periodico

(ANSA) - AOSTA, 03 GEN - La sezione giurisdizionale della Corte dei Conti della Valle d'Aosta ha condannato gli ex capigruppo di Alpe Roberto Louvin e Patrizia Morelli a risarcire rispettivamente 1.500 euro (richiesta della procura era 56 mila euro) e 8.000 euro (65 mila euro) nell'ambito dell'inchiesta sulla gestione dei fondi dei gruppi consiliari tra il 2008 e il 2013.
    Riguardo ai quasi 44.000 euro che nel 2012 e nel 2013 il gruppo ha erogato al periodico 'Alpe', "appare dimostrato, semplicemente sfogliando alcuni numeri di quel periodico, che esso dedicava al gruppo Alpe uno spazio senz'altro significativo", scrivono i giudici. Spazio che, anche in base a una perizia, "può ragionevolmente assimilarsi alla quota, oscillante tra il 15% e il 25%, sobbarcatasi tra il 2012 e il 2013 da quel gruppo consiliare rispetto ai costi sostenuti dal periodico stesso. Va quindi condivisa la tesi difensiva secondo cui tale pubblicazione andava a perseguire finalità analoghe a quelle di un periodico edito direttamente dal gruppo Alpe".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere