Pm Ceccanti, emersa corruzione significativa

Procura aveva chiesto due custodie cautelari in carcere

Dalle indagini è emerso "un tessuto corruttivo particolarmente significativo e variegato". Lo ha detto il sostituto procuratore Luca Ceccanti durante la conferenza stampa sull'inchiesta per un giro di corruzione in Valle d'Aosta. "La procura aveva chiesto la custodia cautelare in carcere per Accornero e Cuomo - ha aggiunto - e il gip ha dato gli arresti domiciliari. Le motivazioni del provvedimento sono il pericolo di reiterazione del reato e di inquinamento probatorio".
    Due gli episodi citati: la turbativa d'asta per il trail 4K, del valore di circa 70.000 euro, con "gara pilotata attraverso l'accordo con un partecipante e la predisposizione del bando"; e il trasferimento della Deval dai locali di Pollein di proprietà della Autoporto spa in cui "Gabriele Accornero ha operato per determinare lo spostamento e per garantire un risparmio di affitto".

"Vicenda Rini merita approfondimenti" -  "Sicuramente l'intervento di Gerardo Cuomo e l'offerta che ha fatto di un contratto di lavoro all'ex marito dell'assessore Emily Rini sono circostanze meritevoli di successivo approfondimento". Lo ha detto il pm Luca Ceccanti nella conferenza stampa relativa all'operazione dei carabinieri che ha portato all'arresto di Gabriele Accornero e Gerardo Cuomo. "La vicenda dell'assessore Rini - ha spiegato - rientra nell'indagine in corso. Confermo che l'assessore Rini non è indagata. E' stata sentita tempo fa in procura, è una vicenda i cui contorni devono essere ancora delineati".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere