Certan,abbandono scolastico grande sfida

Intervento del neoassessore alla giornata porte aperte Univda

(ANSA) - AOSTA, 17 MAR - "Abbiamo una grande sfida da affrontare che è quella dell'abbandono scolastico e dell'interruzione degli studi. Questo è un nodo importantissimo e sarà una delle prime sfide che come assessorato vorrò affrontare, con tutti voi". Lo ha detto l'assessore all'Istruzione e cultura, Chantal Certan, intervenendo alla giornata porte aperte dell'Università della Valle d'Aosta.
    "Ognuno - ha spiegato Certan - ha il diritto di fare il proprio percorso scolastico che meglio gli si addice ma è importante che questo percorso sia il più solido e più ancorato alla competenza e alla formazione".
    Alla luce dei risultati già raggiunti - come "il terzo posto tra le università non statali secondo il Sole 24 ore per qualità della didattica e occupabilità a un anno dalla laurea" - "un pezzo di cammino l'ateneo l'ha già fatto. A mio avviso - ha detto l'assessore - sarà necessario sarà bello e importante riuscire a costruire da oggi in avanti un pezzo di cammino insieme e un percorso, perché no, anche innovativo".

"L'amministrazione regionale - ha sottolineato il presidente della Regione, Pierluigi Marquis - considera l'università una preziosa risorsa per il territorio e per le opportunità formative dedicate agli studenti e assicurerà con un dialogo costruttivo e la condivisone delle future linee di sviluppo dell'ateneo, il proprio supporto alle iniziative sia didattiche sia scientifiche". Alla giornata porte aperte erano presenti circa 200 studenti, provenienti anche dal vicino Piemonte e, in alcuni casi, anche dalla Sicilia ("per il corso di Lingue", ha spiegato il rettore Fabrizio Cassella). "Ad Aosta si vive bene e si studia bene", ha detto il rettore. Tra le novità dell'anno accademico 2017-2018 spiccano la possibilità di conseguire il doppio titolo di studio, a Chambery, per gli studenti del corso triennale di Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il curriculum per l'insegnamento nel corso di laurea in Lingue e culture per la promozione delle aree montane, lo studentato nei locali dell'ex hotel Montfleury, in viale Piccolo San Bernardo, ad Aosta.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA