All'Umbria 'Oscar' del turismo web

E' regione più accogliente, Paparelli "tradizione e innovazione"

Redazione ANSA PERUGIA

PERUGIA - Puntando su tradizione e innovazione, cordialità e comfort, l'Umbria del turismo riesce a far presa sugli utenti del web. Tanto da risultare la regione italiana più "accogliente", con un sentiment positivo pari al 94,7 per cento, e la terza tra quelle "più amate dagli stranieri", con l'87,5% di recensioni positive. "La qualità delle strutture ricettive umbre, il contatto umano e personale che sanno proporre, l'enogastronomia, il paesaggio e l'ambiente formano un mix ideale" ha sottolineato il vicepresidente della Regione e assessore al Turismo Fabio Paparelli.
Dati e riconoscimenti che arrivano da Ttg Incontri di Rimini, la più grande fiera del settore del turismo B2B, nell'ambito della quale si è tenuta la seconda edizione del premio Italia destinazione digitale, organizzato da Travel Appeal, la startup partecipata da H-FARM che monitora e analizza in tempo reale i dati online del settore travel dedicati agli operatori del turismo. "Oscar" assegnati dopo una delle più grandi analisi mai compiute su come è percepita e quindi recensita online l'offerta turistica italiana dai viaggiatori e dagli utenti di tutto il mondo. Sono state infatti prese in considerazione ed elaborate a livello semantico, grazie al sistema di intelligenza artificiale di Travel Appeal, oltre 7 milioni di recensioni online (un milione in più rispetto alla prima edizione del premio) apparse sui canali Booking.com, Tripadvisor, Expedia, Google e relative a più di 200 mila strutture ricettive tra alberghiere, extralberghiere e appartamenti (+85% rispetto all'analisi del 2016). Sei le regioni premiate e tra loro l'Umbria, come "la più accogliente".
Paparelli ha sottolineato come il premio sia "frutto di un grande lavoro di squadra portato avanti dagli operatori del comparto con il sostegno della Regione che in questi anni ha predisposto dei bandi ad hoc per migliorare l'offerta turistica elevandone la qualità dei servizi".
"Anche sul piano delle politiche per il turismo - ha sottolineato il vice presidente della Regione - siamo impegnati per migliorare la qualità dell'offerta ricettiva. La nuova legge regionale e la strategia dell'accoglienza a essa legata sarà calata sulle esigenze del singolo soggetto. Puntando appunto su tradizione e innovazione".
Riguardo al 'podio' ottenuto tra le regioni più amate dagli stranieri, Paparelli ha sottolineato che "l'Umbria si conferma anche in questo ambito". Inghilterra, Germania, Paesi Bassi e Stati Uniti dove il cuore verde d'Italia risulta più apprezzato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in