Chirurgia con robot a ospedale Terni

Per asportare tumore renale, per paziente rapido recupero

(ANSA) - TERNI, 9 SET - Nuovo innovativo intervento di chirurgia robotica urologica all'ospedale Santa Maria di Terni: l'equipe diretta dal dottor Luzio Luzzi ha eseguito per la prima volta, con il robot Da Vinci Xi, una tumorectomia renale retroperitoneale.
    Si tratta, spiega l'azienda, di un accesso innovativo per la chirurgia robotica, che ha consentito l'asportazione della sola lesione maligna che interessava il rene per via posteriore invece che per via anteriore addominale. L'intervento è stato eseguito, oltre che dal dottor Luzzi, dal dottor Alberto Pansadoro, esperto in tecniche avanzate di chirurgia urologica, coadiuvati dal dottor Andrea Martinelli. Il vantaggio di questo accesso chirurgico, poco usuale per la tecnica robotica - ha sottolineato ancora l'ospedale -, consiste nell'avere permesso di isolare subito i vasi, ossia l'arteria renale, e di reperire facilmente la lesione maligna senza dover scollare l'intestino dal rene come avviene invece per via addominale.
    A distanza di quattro giorni, dopo un rapido recupero, il paziente è stato dimesso in perfette condizioni cliniche.
    Il dottor Pansadoro, l'ultimo arrivato nell'equipe urologica diretta dal dottor Luzzi, vanta una esperienza decennale nella chirurgia robotica maturata a Bordeaux, nel più grande centro laparoscopico europeo, sotto la guida del dottor Richard Gaston, chirurgo urologo di fama mondiale. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere