Smog aggrava patologie psichiatriche

Emerge da studio strutture degenza ospedali Perugia-Foligno

Emerge "una evidente correlazione tra l'inquinamento dell'aria e l'aggravamento delle patologie psichiatriche" da uno studio compiuto da un gruppo di ricercatori in servizio presso le strutture di degenza di psichiatria degli ospedali di Perugia e Foligno. La ricerca ha riguardato inquinanti ambientali come le polveri sottili, ozono, monossido di carbonio e NO2 rilevati tramite le stazioni di monitoraggio dell'Arpa Umbria e gli accessi giornalieri per motivi psichiatrici presso le strutture di pronto soccorso, su un periodo di due anni.
    "L'importanza - spiega il professor Alfonso Tortorella, direttore della struttura complessa di Psichiatria dell'Azienda Ospedaliera di Perugia - è nel fatto che viene dimostrato come sia sufficiente un aumento di 10 microgrammi di inquinamento per provocare un aumento di accessi al pronto soccorso del 10% di pazienti psichiatrici".
    Lo studio è stato pubblicato sulla rivista "Epidemiology and psychiatric sciences".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere