Domiciliari a donna che abbandonò neonato

Figlio poi morto, condannata a 16 anni per omicidio

Concessi dal tribunale del riesame di Perugia gli arresti domiciliari alla ventottenne di Terni condannata lo scorso 23 ottobre a 16 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio volontario, per avere abbandonato il 2 agosto 2018 nel parcheggio di un supermercato il figlio appena nato, poi deceduto.
    I giudici hanno accolto l'appello presentato dai legali della giovane, gli avvocati Alessio Pressi e Attilio Biancifiori, contro la decisione del gip Simona Tordelli che, lo scorso agosto, aveva respinto la richiesta di scarcerazione avanzata dalla difesa sulla scorta del percorso riabilitativo compiuto.
    La ventottenne può quindi uscire dal carcere di Capanne, dove era rinchiusa dal 7 agosto di un anno fa, per essere affidata ad una comunità socio-riabilitativa.
    Il Riesame ha anche disposto che il tribunale per i minorenni di Perugia intervenga per rivalutare i termini dei rapporti tra la donna e la figlia maggiore, di tre anni.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere