In due indagati per rapina bar simulata

Accusa per gestore, trovato legato in locale, e suo complice

E' stato indagato per avere simulato una rapina nel suo bar nel centro di San Giustino Umbro un italiano di 39 anni titolare del locale.
    Stessa accusa, al termine di un'indagine dei carabinieri, per un albanese trentaseienne ritenuto suo complice. A entrambi è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini nel quale per il solo straniero è stato ipotizzato anche il reato di lesioni personali nei confronti del gestore.
    Il fatto risale alla notte del 7 gennaio quando i carabinieri di San Giustino avevano notato le luci accese del bar benché fosse giorno di chiusura. Il gestore era stato trovato legato su una sedia, con il volto tumefatto e ai militari aveva riferito di essere stato picchiato e derubato della merce. Versione ritenuta però non plausibile dagli investigatori. Le indagini hanno così portato gli inquirenti a ritenere simulate la rapina e l'appropriazione indebita di sigarette, gratta e vinci, ricariche telefoniche e del denaro nelle slot machine.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere