Tessile Umbria ha ripreso a dare lavoro

"Dietro griffe francese c'è made Umbria" dice Confindustria

Il settore tessile umbro ha ricominciato a crescere e a dare lavoro. Negli ultimi quattro anni c'è stato infatti un aumento del 23 per cento degli occupati e del 30 per cento del fatturato.
    "E' il segnale di una vitalità cui hanno contribuito la qualità dei nostri prodotti e la presenza di tanti laboratori artigianali al servizio di imprese e brand nazionali e internazionali. Sempre più spesso dietro una griffe francese ci sono realizzazioni made in Umbria" ha sottolineato Marco Cardinalini, presidente della Sezione Tessile-abbigliamento di Confindustria Umbria, che associa le principali aziende.
    Il futuro del settore è stato al centro del convegno nazionale "Umbria: incontro con i talenti della moda" organizzato da Confindustria in collaborazione con i Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia.
    "Il tessile-abbigliamento è uno dei settori fondamentali in Umbria e punto di riferimento in Italia e nel mondo" ha ricordato il presidente di Confindustria Umbria Antonio Alunni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere