Vescovo, a Terni leale esame coscienza

Monito mons. Piemontese durante il pontificale per festa patrono

(ANSA) - PERUGIA, 11 FEB - A Terni occorre "avviare un personale e comune esame di coscienza, sincero, leale e costruttivo per risalire alle cause dell'attuale situazione" di crisi economica e politica: è il monito lanciato dal vescovo Giuseppe Piemontese, nel corso del pontificale che si è tenuto in duomo in occasione delle celebrazioni di San Valentino. Dal pulpito della cattedrale, dove era stata trasferita in processione l'urna con le reliquie del santo, monsignor Piemontese ha sottolineato che la città, da un po' di anni "attraversa una delle stagioni più delicate e incerte".
    Secondo il vescovo, "tutti siamo chiamati in causa, tutti abbiamo il dovere, ciascuno per la sua parte, per individuare le ragioni che hanno portato la nostra città alla corrente situazione di 'dissesto' e collaborare per riportarla in sicurezza e alla dignità, che le spetta". Le ragioni - ha concluso - "vanno ricercate nelle pieghe delle dinamiche democratiche della città almeno degli ultimi 30 anni, oltre al tanto bene compiuto".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere