Finti matrimoni tra italiani e straniere

Sei denunce per tentato favoreggiamento permanenza in Italia

Un giro di finti matrimoni tra cittadini italiani e donne extracomunitarie irregolari che, pagando, regolarizzavano la loro posizione in Italia, è stato scoperto nell'ambito di un'indagine della Digos di Terni. Sei le persone denunciate con l'accusa di tentato favoreggiamento alla permanenza di stranieri irregolari sul territorio nazionale.
    Oltre agli sposi, coinvolti anche due uomini, un italiano 50enne e un dominicano 46enne, che avrebbero combinato i matrimoni, almeno quattro, sventati dalla polizia prima della loro celebrazione presso il Comune di Terni.
    Per le donne, anche loro tutte dominicane, è scattata l'accusa di violazione della normativa sul soggiorno ed è stato avviato l'iter per l'espulsione. In base a quanto riferisce la questura, l'indagine, partita nello scorso mese di agosto, ha permesso di appurare che le dominicane avrebbero pagato una somma di circa 5 mila euro ciascuna, mentre i compiacenti mariti avrebbero accettato il matrimonio in cambio di somme tra i 1.500 euro e i 2.500 euro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere