Bimbo con due mamme, il Comune replica

Polemiche per la mancata trascrizione dell'atto di nascita

(ANSA) - PERUGIA, 18 GIU - "La trascrizione di un atto di nascita di un soggetto nato all'estero e ivi registrato è contemplata dalla normativa vigente, che non disciplina tuttavia le trascrizioni riguardanti figli di genitori dello stesso sesso": lo precisa l'amministrazione comunale di Perugia, dopo le polemiche per la mancata registrazione di un bimbo nato in Spagna da due mamme grazie alla procreazione assistita. Bimbo che ora, sottolinea l'Omphalos, "è senza documenti e senza identità". "E' stato richiesto un parere alla Prefettura - prosegue il Comune - e l'atto di diniego espresso dagli ufficiali di stato civile si è conformato al predetto parere.
    L'amministrazione comunale, che come noto non ha potestà legislativa, è chiamata all'applicazione delle norme vigenti e alle funzioni di stato civile, in forza della delega prefettizia, e rimane in attesa degli eventuali interventi del legislatore alla luce anche della recente pronuncia della Cassazione. Pronuncia, comunque, successiva rispetto all'atto di diniego".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere