La forza di ricominciare dal carcere

Testimonianza di Aziz, il carcere occasione per migliorare

(ANSA) - TRENTO, 11 NOV - "Dal mio primo giorno di carcere, ho promesso a me stesso che l'esperienza sarebbe servita per migliorarmi, dove crescere come persona. Mi sono messo da solo in una realtà che non auguro a nessuno, e da cui intendo uscire migliorato". Così, Abdelaaziz Aaamari, nel corso del convegno multidisciplinare organizzato, presso il teatro San Marco di Trento, dall'associazione di volontariato "Pesce di pace" di Venezia. Quarantenne di origini marocchine, Aaamari sta scontando nella casa circondariale di Trento una pena di otto anni inflittagli per traffico di stupefacenti e sequestro di persona. L'incontro, al quale hanno preso parte anche l'arcivescovo di Trento Lauro Tisi, l'imam della Comunità religiosa islamica italiana AbdAllah Mikai Mocci e il rabbino capo della comunità ebraica di Verona e Vicenza Yosef R. Labi, è stato promosso per presentare il libro "Mai più qui. La forza di ricominciare", scritto da Aziz in carcere e pubblicato con i disegni di alcuni studenti dell'Accademia delle belle arti di Venezia.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Videonews Alto Adige-Südtirol

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere