Crescono interscambi tra Trentino Alto Adige e Russia, +8,7%

Nel 2019 export in negativo, importazioni aumentano del 105%

(ANSA) - TRENTO, 18 SET - Nel primo semestre del 2019, l'interscambio commerciale tra il Trentino Alto Adige e la Federazione russa è cresciuto dell'8,7%, superando i 62 milioni di euro.
    Il dato si deve all'incremento delle importazioni, aumentate del 105% rispetto allo stesso periodo del 2018, per un valore pari a 21 milioni di euro. In diminuzione l'export, che registra un decremento del 12,2% rispetto al 2018, attestandosi a 41,3 milioni di euro. I dati sono stati presentati oggi al 5/o seminario italo-russo di Trento, promosso dall'associazione Conoscere Eurasia. Secondo quanto prospettato dal presidente Antonio Fallico, a perdere maggiormente sono le imprese trentine (-18,6%), con un valore delle esportazioni pari a 20,5 milioni.
    Bolzano perde invece il 5% delle vendite in Russia, arrivando a 20,8 milioni. Tra i settori in negativo a livello regionale vi sono l'export di macchinari e apparecchi (-31,5%) e l'elettronica (-62%). Crescono invece i prodotti alimentari e le bevande (+36,5%), per un valore di circa 5,2 mln.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Videonews Alto Adige-Südtirol

        Vai alla rubrica: Pianeta Camere