West Nile, l'infezione non in Alto Adige

Primaria malattie infettive, contagio da uomo a uomo impossibile

(ANSA) - BOLZANO, 17 AGO - "Il decorso cronologico mostra chiaramente che il paziente è stato infettato dal virus quando si trovava ancora a casa propria, perché il periodo di incubazione è compreso tra dieci e 14 giorni. Per quanto ne sappiamo, ad oggi, in Alto Adige non vi sono zanzare infette da questo tipo di virus". Lo afferma la primaria del reparto Malattie infettive dell'ospedale di Bolzano, Elke Maria Erne, sull'infezione da virus West Nile che ha colpito un turista proveniente dalla provincia di Verona.
    L'uomo, 64 anni, si è sentito male il giorno del suo arrivo in Val Badia, il 4 agosto. Due giorni dopo è stato ricoverato a Bolzano. Il 10, ha mostrato i segni di un'infiammazione delle meningi. Eseguito il test per il virus del West Nile, è risultato positivo. Il paziente è stato trasferito all'ospedale Borgo Trento di Verona.
    Il virus del Nilo occidentale, ha spiegato la dottoressa Erne, può essere trasmesso all'uomo solo tramite puntura di zanzare infette, una trasmissione da uomo a uomo è impossibile.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere