Bcc: Fraccaro, riforma da abolire o da riscrivere a fondo

'Impatterebbe significativamente su famiglie e pmi'

(ANSA) - TRENTO, 10 GIU - La riforma del credito cooperativo del governo Renzi è "da abolire o quantomeno da riscrivere a fondo". A sostenerlo è il ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta, Riccardo Fraccaro, che ne scrive sul quotidiano locale 'Corriere del Trentino', col consigliere provinciale M5s di Bolzano Paul Köllensperger.
    "Il decreto - affermano - ha costretto le banche di credito cooperativo a trasformarsi in spa o a sottomettersi a una capogruppo - sempre società per azioni - che esercita invasivi poteri di controllo su tutte le aderenti. È una riforma che impatterebbe significativamente sulle numerose piccole banche del nostro Paese e di conseguenza sui loro tipici clienti, le famiglie e le piccole e medie imprese".
    "L'accesso al credito per le pmi e le famiglie - proseguono - diverrebbe verosimilmente più difficile. La concentrazione e la conseguente chiusura di molte filiali farà perdere posti di lavoro. Il controllo sul credito cooperativo passa da Bankitalia alla Bce". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere