Consulta riconosce validità del Patto di Garanzia del 2014

Sentenza dopo ricorso della Provincia autonoma di Trento

(ANSA) - TRENTO, 13 NOV - Le modifiche statutarie in materia di concorso al risanamento del debito pubblico, intervenute nel 2014 col Patto di Garanzia, hanno rango costituzionale e come tali non possono essere messe in discussione dalle leggi ordinarie dello Stato. Lo stabilisce una sentenza della Consulta, depositata venerdì, che, sebbene ritenga non fondata la questione di legittimità costituzionale sollevata, ha pienamente riconosciuto il valore, la validità e la centralità del Patto di Garanzia del 2014. Lo sottolinea in una nota l'amministrazione provinciale trentina.
    Sono state quindi riconosciute, viene aggiunto, le ragioni sottese al ricorso proposto dalla Provincia autonoma di Trento, la quale aveva impugnato una norma statale del 2016 che, per il contributo delle regioni e degli enti locali al risanamento del debito pubblico nazionale, rimandava a una legge ordinaria dello Stato la possibilità di prevedere versamenti al Fondo per l'ammortamento dei titoli di Stato anche da parte della Provincia. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere