Cinema: archeologia dal mondo a Rovereto per 28/a rassegna

In totale 56 pellicole da 17 nazioni

(ANSA) - TRENTO, 2 OTT - Un totale di 56 film da 56 nazioni, con più pellicole straniere del passato e finestre che si aprono su Giappone, Turchia, Fenici, solo per fare qualche esempio. Si tratta della 28/a Rassegna internazionale del film archeologico, a Rovereto, in Trentino, dal 3 all'8 ottobre, presentata stamani.
    Il palinsesto dell'evento curato da Dario di Blasi e Barbara Maurina, spazia nelle culture di tutti i continenti, che vengono approfondite attraverso i filmati e le conversazioni con gli esperti.
    Tra le pellicole una finestra sul Giappone di 400 anni fa: Ichijodani, un ritorno alle origini. Un diario di conquistadores spagnoli che descrivono una straordinaria civiltà scomparsa di nativi del Nord America: Quivira, conquistadores sulle pianure.
    La Cava d'Ispica, un canyon nei monti Iblei in Sicilia, una moviola veloce del passato delle genti che l'hanno frequentata, uomini preistorici, siculi, greci, primi cristiani, bizantini, il tutto in un film: Eis Pegas -Alle sorgenti". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere