Vaccini: Consiglio Alto Adige, no a 'misure coercitive'

(ANSA) - BOLZANO, 8 GIU - Il consiglio provinciale di Bolzano ha approvato all'unanimità un voto del consigliere Andreas Pöder della destra di lingua tedesca, emendato in accordo con l'assessore provinciale alla sanità, Martha Stocker (Svp), contro le "misure coercitive per imporre le vaccinazioni" previste dal decreto del governo sui vaccini. Il documento chiede "lo stralcio delle misure coercitive ed una campagna di sensibilizzazione ampia ed equilibrata".
    Illustrando il documento, il capogruppo della Svp, Dieter Steger, ha spiegato che un maggiore tasso di vaccinazione può aumentare la salute della popolazione, "ma le proteste sono legittime, perché sono previste sanzioni draconiane, fino alla sospensione della potestá genitoriale". "Ognuno ha la sua responsabilitá nei confronti dei propri figli - ha aggiunto Steger - ma anche della società, perché un basso tasso di vaccinazione può portare delle conseguenze, ma bisogna puntare alla sensibilizzazione, non alle sanzioni". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere