Accolti a Trento 29 profughi siriani

Arrivati con corridoio umanitario, benvenuto di Rossi e Bressan

(ANSA) - TRENTO, 2 MAR - Oggi in Curia a Trento cerimonia di accoglienza del nucleo familiare di 29 profughi siriani di Homs (nonna con figli e nipoti), arrivati lunedì scorso grazie al corridoio umanitario promosso dalla Comunità Papa Giovanni XXIII, dalla Comunità di S.Egidio e dalla Caritas della Diocesi di Trento, in collaborazione con i ministeri dell'Interno e degli Esteri. "E' un'esperienza straordinaria che fa questa terra in un momento particolare in cui uno Stato vicino vuole chiudere i confini", ha detto il presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi. "Siamo tutti un'unica famiglia, viviamo in un'unica terra - ha aggiunto il vescovo emerito Luigi Bressan - e chi rischia la vita nel proprio Paese ha diritto ad essere accolto in un'altra nazione".
    I 29 profughi sono alloggiati nelle due canoniche ristrutturate dalla Caritas a San Nicolò a Ravina di Trento.
    Hanno vissuto quattro anni in un campo profughi in Libano.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Qualità Alto Adige