Lucca Comics, da Ferrari a Manganiello

A festival torna Netflix e si festeggia Paperino

Redazione ANSA

Dalla Ferrari che porta anche la sua driver academy per far scoprire il brivido della velocità sfidandosi ai simulatori con i bolidi del Cavallino all'attore hollywodiano Joe Manganiello, grande appassionato di Dungeons & Dragons, che parteciperà al più grande D&D Epic mai organizzato in Europa, in programma l'1 novembre. Torna Lucca comics & Games, il festival del fumetto e del gioco che l'anno scorso ha totalizzato oltre 250mila visitatori paganti e più di 790mila presenze complessive. La rassegna 'invaderà' la città toscana dal 30 ottobre al 3 novembre prossimo - oltre 500 gli eventi -, festeggiando nel giorno dell'inaugurazione anche l'85/o anniversario di Paperino.
    Tra gli altri protagonisti, Nintendo poterà a Lucca le nuove versioni di Pokemon Spada, Pokemon Scudo e Mario & Sonic, mentre il festival ospiterà l'anteprima mondiale delle nuove linee di action figure, accessori e veicoli dedicati alla saga di Star Wars e ai supereroi Marvel. Anche Netflix torna a Lucca, con due dei suoi titoli più attesi: la serie cult La casa di carta con un intero padiglione esperienziale e The Witcher, nuova produzione originale Netflix ispirata all'omonimo bestseller di cui verrà presentato in anteprima mondiale il trailer. Il pubblico di Lucca potrà assistere anche a un incontro con la showrunner di The Witcher Lauren Schmidt Hissrich e le due giovani protagoniste Anya Chalotra e Freya Allan. Tra i fumettisti ci saranno anche Donny Cates (Venom, Marvel) e Megan Hutchinson (Image) che hanno scelto Lucca Comics & Games per sposarsi il 31 ottobre. Tra i maestri che verranno a Lucca figurano poi Hirohiko Araki, Chris Claremont, Jim Starlin, Jonathan Hickman e Pepe Larra, Don Rosa, Alex Alice, Leo Ortolani, Alessandro Billotta. Ancora, per l'area games in programma migliaia di ore di sessioni di gioco, con decine di tavoli e centinaia di postazioni. 'Becoming Human' il tema scelto quest'anno dalla rassegna - tenuta a battesimo nel 1966 - ben rappresentato nel poster firmato da Barbara Baldi, tributo a tutte le commistioni che fanno la ricchezza del festival.
    Intanto l'edizione 2019 segna la collaborazione col Salone del libro di Torino.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in