Infermiere assisterà pazienti a casa

In 9 comuni Toscana centro affiancherà medico e famiglie

Promozione della salute, monitoraggio degli assistiti, presa in carico dell'intero nucleo familiare spaziando dagli stili di vita alle cure: questi alcuni dei compiti dell'infermiere di famiglia e di comunità, nuova figura assistenziale di supporto alle famiglie e ai medici di base che partirà a "settembre in cinque aree funzionali territoriali con estensione progressiva a tutta l'Azienda" Asl Toscana Centro, come spiega Paolo Zoppi, direttore del dipartimento infermieristico e ostetrico della stessa Asl. Nel dettaglio la nuova figura, che implementa il sistema di organizzazione assistenziale, prenderà il via da settembre nei comuni di Lastra a Signa, Signa, Agliana, Montale, Poggio a Caiano, Carmignano, Lamporecchio, Montespertoli e Castelfiorentino.
    "Medico di medicina generale e il nuovo infermiere di famiglia opereranno in stretta integrazione tra loro per dare risposta ai bisogni di salute delle persone più fragili e anziane, ai malati cronici e ai pazienti durante il fine vita" spiega sempre Zoppi, direttore del dipartimento infermieristico e ostetrico dell'Asl. "Dal prossimo autunno la nuova organizzazione sarà progressivamente estesa a tutta l'azienda - prosegue -, e così ogni cittadino oltre al proprio medico potrà contare anche su un infermiere di riferimento, con cui nel tempo svilupperà un rapporto di miglior conoscenza e maggior fiducia".
    "Questa figura di infermiere - continua Zoppi - avrà anche il ruolo di facilitatore, in grado di orientare il cittadino verso l'accesso appropriato e tempestivo ai vari servizi per ottenere le risposte sanitarie di cui ha più bisogno".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere