Alluvione '66, Firenze ricorda disastro

Presente anche Capo dipartimento Protezione civile Borrelli

(ANSA) - FIRENZE, 4 NOV - Tante le iniziative a Firenze per ricordare il 53/o anniversario dell'alluvione. Tra i protagonisti della giornata il capo dipartimento della protezione civile Angelo Borrelli, che ha partecipato, a Ponte alle Grazie, al corteo per la benedizione dell'Arno e al lancio di una corona d'alloro in ricordo delle vittime. Celebrata anche una messa. A lanciare la corona il sindaco di Firenze Dario Nardella, presenti il prefetto di Firenze Laura Lega e il presidente del Consiglio toscano Eugenio Giani. Borrelli ha anche visitato la mostra 'Arno sicuro. Pulito. Da vivere'. Dibattito sull'alluvione in consiglio comunale, alla presenza di Borrelli. Ricordati i nomi delle vittime e osservato un minuto di silenzio. Ricordato anche Franco Zeffirelli, che raccontò la tragedia. Borrelli ha poi ringraziato gli Angeli del fango. Tra le iniziative, il sindaco ha deposto fiori sulla tomba dell'operaio comunale Carlo Maggiorelli, vittima dell'alluvione. Approvata all'unanimità una targa dedicata alla protezione civile. Nella sede del Consiglio regionale è stata inaugurata una mostra sull'Arno e la presidenza ha consegnato una targa alla famiglia del giornalista della Rai Marcello Giannini, scomparso nel 2014, di cui è rimasta celebre la diretta sul Giornale radio per far capire alla Rai di Roma e a tutta Italia la gravità dell'alluvione che aveva investito Firenze. Giannini aprì la finestra dello studio Rai, all'epoca in via Cerretani, e pose il microfono vicino all'acqua che scorreva nelle strade, per farne sentire il gorgoglio.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere