Scoperto antenato beluga in cava sabbia

Fossile traccia evoluzione cetaceo da Mediterraneo a mari Alaska

(ANSA) - GROSSETO, 26 AGO - Da una cava di sabbia situata ad Arcille, località nel cuore della Maremma grossetana, sono spuntati resti fossili dell'antenato del beluga, il cetaceo bianco appartenente insieme al narvalo alla famiglia dei monodontidi, che vive nelle acque ghiacciate di Russia, Canada, Groenlandia e Alaska. La scoperta viene annunciata dallo studioso e dall'università di Pisa ed ha avuto inizio per caso nel 2013, quando alcuni cavatori intenti nelle attività estrattive si ritrovarono sotto gli occhi un cranio fossile che, per la sua morfologia, fece pensare subito a un delfino ma si tratta invece di un altro tipo di esemplare. Il reperto venne segnalato alle autorità e così consegnato al dipartimento di Scienze della Terra dell'ateneo pisano. Adesso, dopo anni di studi, i paleontologi hanno stabilito che si tratta di un esemplare di monodontidi appartenente a una specie del tutto sconosciuta alla comunità scientifica, battezzata quindi col nome di 'Casatia thermophila'.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai alla rubrica: Pianeta Camere