Canova, viaggio a Carrara

In città apuana mostra con protagonista Neoclassicismo

Antonio Canova incontra Carrara, capitale del marmo. E' 'Canova - Il viaggio a Carrara', mostra ospitata fino al 10 giugno 2020 al museo Carmi di Carrara. Obiettivo dell'esposizione indagare il rapporto tra Canova e Carrara, mettendo in dialogo cinque gessi originali e documenti conservati all'Accademia di Belle Arti della città toscana. In mostra anche un corpo di lettere dell'Archivio di Stato di Massa e un contratto, finora sconosciuto, del 1783 tra il conte Del Medico Staffetti e Canova per l'acquisto del marmo per il 'Monumento funebre di Clemente XIV'.
    La mostra apre con la sala dedicata a uno dei massimi capolavori dello scultore, 'Paolina Borghese', si sofferma sulle 'Grazie' per raccontare la genesi del processo creativo, prosegue con le installazioni dedicate al rapporto tra 'Canova e la danza' e l'immaginifica fiaba di 'Amore e psiche' per concludere con un approfondimento su 'Canova. Il viaggio a Carrara e l'Accademia di Belle Arti'. In questa sala, l'ultimo dei cinque modelli in gesso dell'Accademia, 'Venere e Adone'.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere