Opere Museo del '900 spiegate a detenuti

Firenze, prima volta dipinti collezioni civiche in penitenziario

(ANSA) - FIRENZE, 21 MAG - Portate dal Museo del Novecento di Firenze nella casa circondariale di Sollicciano due opere delle collezioni civiche - Renato Paresce "La casa e la nave" (1931, tempera su cartoncino) e Severo Pozzati "Maternità" (1917, bronzo) - che i detenuti hanno potuto apprezzare e 'studiare' col supporto di un restauratore e di un mediatore culturale.
    Così, dopo aver portato dipinti e sculture nelle scuole di Firenze, il Museo del Novecento adesso avvicina all'arte i detenuti e le detenute del penitenziario di Sollicciano. Succede con Outdoor, progetto ormai collaudato, che diventa così parte di 'Educare alla bellezza', il piano allestito per conoscere i musei fiorentini già avviato dalla scuola Cpia1 (Centro Provinciale per l'Istruzione degli adulti) e che vede partecipare i detenuti e le detenute iscritti e frequentanti corsi scolastici a Sollicciano. È la prima volta che opere d'arte moderna di valore come quelle di Paresce e Pozzati superano le mura di un carcere.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Imprese & Mercati

        Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere